Sabato, 13 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Spostamenti tra comuni a Natale e Capodanno, Speranza: "Chiediamo un sacrificio a tutti"
CORONAVIRUS

Spostamenti tra comuni a Natale e Capodanno, Speranza: "Chiediamo un sacrificio a tutti"

capodanno, coronavirus, natale, Roberto Speranza, Sicilia, Politica
Il ministro della Salute, Roberto Speranza

A Natale, per Santo Stefano, il 31 dicembre e il primo giorno del 2021 nessuno potrà spostarsi dai propri comuni. A confermarlo è il ministro della Salute, Roberto Speranza, a Di Martedì su La7, rispondendo a una domanda sull'eventuale revisione delle misure restrittive.

"Le misure sono queste e le confermiamo e le norme restano queste", ha affermato. "In questa fase non possiamo permetterci spostamenti che non siano indispensabili e il messaggio del Governo vuole essere questo: nei giorni più caldi, dove c'è più rischio che salga la mobilità, chiediamo un sacrificio alle persone".

"I dati li guarderemo sempre con grande attenzione ma le misure sono queste e le confermiamo: non cambieranno per il momento nè in un verso nè in un altro verso", ha affermato Speranza. "Come sempre avviene - ha chiarito - le misure non si vedono giorno per giorno ma c'è bisogno di un tempo un po' più lungo. Oggi ad esempio stiamo ancora vedendo i risultati della fase in cui in Italia c'erano molte zone rosse. C'è sempre un tempo in più che - ha concluso - bisogna aspettare".

Durante le feste di Natale "in Italia si muovono quasi 15 milioni di italiani, quindi il livello di contatto tra le persone aumenta a dismisura. Se vogliamo evitare una terza ondata ce ne dobbiamo stare a casa. Anche io non andrò dalla mia famiglia in Campania", ha detto, sempre oggi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio intervenendo a Porta a Porta.

"Se rispettiamo tutti le regole non arriverà la terza ondata", ha ribadito Di Maio. "Io lo so che gli anziani sono soli, ma è rischiosissimo", ha avvertito il ministro. "Assisto ad un film già visto nella prima ondata: c'è una regola - quella che una regione passa da un colore ad un altro dopo un tot di giorni - e poi c'è qualcuno che si alza e vuole fare come vuole", ha aggiunto Di Maio commentando a Porta a Porta la decisione del presidente dell’Abruzzo di passare da regione rossa ad arancione due giorni prima del previsto.

"Il problema non è la regione o il sindaco. Il problema è la tenuta dello Stato e dei precedenti che crei. Noi non siamo contenti di tenere chiusi i negozi o dire alle persone che non possono vedere i propri cari. Ma sappiamo qual è il costo e il costo sono migliaia di vite", ha detto ancora il ministro.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X