Domenica, 24 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Medici di famiglia da schierare contro il Coronavirus: in Sicilia è tutto fermo
L'ACCORDO

Medici di famiglia da schierare contro il Coronavirus: in Sicilia è tutto fermo

L’accordo che doveva schierare i medici di famiglia in prima linea nella lotta al Covid in Sicilia non è mai passato alla fase operativa. Mancano i tamponi. Sono passate tre settimane dall'annuncio ma, come riporta Giacinto Pipitone in un articolo del Giornale di Sicilia in edicola, è tutto fermo: mancano i tamponi e i dispositivi di sicurezza.

Stamani la manager dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni, riceverà i sindacati per provare a risolvere le problematiche: il patto tra Regione, Ordine dei medici e alcune sigle sindacali prevede che i medici di famiglia affiancheranno Usca e ospedali eseguendo i tamponi ai soggetti più a rischio e a chi attende il controllo finale per uscire dalla quarantena collaborando anche all’assistenza domiciliare dei positivi.

L’accordo era stato firmato da Fimmg, Intesa Sindacale e associazione dei pediatri di libera scelta (Fimp, CIPe-SISPe-SINSPe e Simpef). E questo lo rende obbligatorio per tutti i medici, anche quelli aderenti a Smi e Snami che si sono rifiutati di apporre la firma.

L'articolo completo sull'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X