Venerdì, 04 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Dpcm, Musumeci non molla: "Ci facciano tenere i locali aperti fino alle 23"
LE RESTRIZIONI

Dpcm, Musumeci non molla: "Ci facciano tenere i locali aperti fino alle 23"

Il presidente della Regione, Nello Musumeci, torna ad attaccare il governo nazionale per alcuni provvedimenti, definendo "irragionevole" la scelta sulle palestre e ristoranti, cinema e teatri.

In un'intervista al Corriere della Sera, fa presente che "episodi come quelli di Catania o Napoli vanno condannati senza se e senza ma. Tuttavia bisogna comprendere le ragioni della rabbia, se espressa in maniera civile si intende. E per questo avanzo una proposta al premier Conte: un protocollo che consenta alla Regione siciliana, per alcune materie, di derogare anche nelle misure estensive e non solo restrittive. Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie. La chiusura alle 18 non ha senso. È l’ora in cui cominciano a lavorare. Assurdo consentire l’asporto, con le persone in piedi in attesa del cibo. Non sarebbe più logico farle sedere al tavolo nel rispetto delle procedure anti- Covid?. In Sicilia la situazione non è tale da giustificare una misura così restrittiva. Noi siamo all’ottavo posto per numero di contagi. Peraltro i ristoratori hanno adeguato le strutture".

La stessa cosa dicono i proprietari delle palestre. "Altro motivo di dissenso. Palestre che io non ho voluto chiudere. Come i teatri e i cinema che chiedo a Conte di riaprire. Non c'è luogo più sicuro per rispetto delle norme di prevenzione visto che i posti sono già assegnati. Potrebbe andare bene per alcune regioni. Ma bisogna lasciare ai presidenti la possibilità di decidere".

Tornando alle ordinanze sulla chiusura degli hotspot Musumeci dice: "Il contagio può essere arrivato anche dagli hotspot. Volevamo evitare che questi nostri fratelli fossero trattati come carne da macello. Ricordo che abbiamo effettuato oltre 12 mila tamponi sui migranti. Per i siciliani? Abbiamo comprato 2 milioni di tamponi rapidi ed eseguito 650 mila tamponi molecolari e 100 mila antigenici".

Dello stesso avviso anche l'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana Alberto Samonà che, attraverso i suoi canali social, chiede al governo nazionale di riaprire "immediatamente i teatri, i cinema e tutti i luoghi della cultura e modifichi il dpcm Conte nella parte in cui dispone la chiusura di bar e ristoranti alle ore 18, delle palestre, dei centri culturali e sportivi e delle piscine".

"Un simile provvedimento, infatti, non tiene conto del fatto che non si può contrastare l'emergenza covid, condannando a morte - continua - centinaia di migliaia di attività e gettando nell'incertezza milioni di persone che adesso non sanno più cosa inventarsi per sopravvivere".

"Per queste ragioni - osserva Samonà - il governo deve riaprire il confronto con le regioni, non relegandole a mere destinatarie di provvedimenti calati dall'alto, ma riconoscendone il loro ruolo di cerniere indispensabili con il Paese reale. Questo - conclude - diventa improcastinabile in quelle regioni autonome, proprio come la Sicilia, in cui vi è competenza concorrente con lo Stato in materia sanitaria".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X