Sabato, 22 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Coronavirus, l'Anci al Governo: "Pretendiamo regole certe"
APPUNTAMENTO VIRTUALE

Coronavirus, l'Anci al Governo: "Pretendiamo regole certe"

anci, Sicilia, Politica
Leoluca Orlando

Appuntamento in piattaforma video per 390 sindaci siciliani che chiedono «regole certe e risorse vere e immediate». L’assemblea straordinaria dell’Anci regionale, che si è aperta nel pomeriggio, ha per titolo «No virus! No annunci!». «Ribadiremo ancora una volta le proposte dei sindaci rivolte al governo nazionale, al governo della Sicilia e alle istituzioni europee», spiega il presidente di Anci Sicilia Leoluca Orlando. A fronte del «doveroso rispetto» di divieti e di salute, le autonomie locali chiedono «e a nome dei cittadini pretendono, regole certe di sicurezza», settore per settore, dalle strutture sanitarie e di volontariato alle fasce più deboli e nuovi poveri, dalle attività produttive ai teatri, dal turismo allo sport, dalle attività artistiche e culturali a quelle commerciali e della ristorazione e chiedono e «pretendono corrispondenti risorse finanziarie per imprese e famiglie».

Per Anci Sicilia, «in favore dei Comuni e degli enti intermedi è necessaria una erogazione straordinaria per compensare le perdite di esercizio e di tariffe, tasse e fiscalità locale dipendenti da una condizione sanitaria ed economica di emergenza. Occorre inoltre liberare risorse disponibili e ancora bloccate dal precedente Patto di stabilità, oggi sospeso a livello europeo ma ancora applicato con normative nazionali recanti vincoli di spesa non più giustificati». I sindaci chiedono di «superare criticità e tempi troppo lunghi per l’utilizzo dei fondi europei. Nell’attesa - conclude Orlando - chiediamo con tutta la forza di una drammatica emergenza nazionale socio-economica di riprodurre e rifinanziare adeguatamente l’ordinanza di Protezione civile nazionale che ha consentito concretamente di soddisfare l’esigenza alimentare e di prima necessità di decine e decine di famiglie e persone deboli e di nuovi poveri, in Sicilia come in tutta Italia». (ANSA).

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X