Sabato, 21 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica L'ordinanza di Musumeci: quando si può uscire dal proprio comune, spunta il "visto" per lo Stretto
REGIONE

L'ordinanza di Musumeci: quando si può uscire dal proprio comune, spunta il "visto" per lo Stretto

Consentita l'uscita dal proprio comune, ma solo per la conduzione di terreni agricoli e per la cura degli animali e solo nei giorni feriali. Lo prevede la nuova ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci.

Il testo specifica che "è consentita, in quanto riconducibile a 'situazione di necessità' finalizzata a sopperire alle esigenze alimentari ed ai lavori di manutenzione per la prevenzione degli incendi, l'attività non imprenditoriale necessaria per la conduzione di terreni agricoli e per la cura degli animali".

Ma l'ordinanza esclude la possibilità che sia l'intera famiglia a spostarsi verso un altro comune, così da evitare la classica gita fuori porta o l'esodo domenicale. "L'uscita nell'ambito del medesimo comune o verso un comune diverso da quello in cui attualmente si trova l'interessato, è consentita una sola volta al giorno e ad un solo componente del nucleo familiare, ovvero ad un soggetto all'uopo delegato. È, altresì, autorizzata l'attività di manutenzione di aree verdi e naturali, pubbliche e private".

ZONE ROSSE. Nei Comuni di Agira, Salemi, Troina e Villafrati resta in vigore la "zona rossa", ma sarà consentito il transito in entrata e per garantire le attività necessarie alla cura e all'allevamento degli animali, nonché per le attività, imprenditoriali e non, in quanto connesse al ciclo biologico delle piante, anche per il sostentamento familiare.

25 APRILE E 1 MAGGIO. L'ordinanza dispone la chiusura al pubblico di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati nei giorni domenicali e del 25 aprile e del primo maggio. È fatta eccezione per le farmacie e per le edicole. È, tuttavia, consentito, anche nei festivi, il servizio di consegna a domicilio dei prodotti alimentari e dei combustibili per uso domestico e per riscaldamento.

STRETTO DI MESSINA. I lavoratori pendolari che attraversano lo Stretto di Messina dovranno compilare un modulo (allegato all'ordinanza) e trasmetterlo al dipartimento regionale della Protezione civile per avere il "visto" di autorizzazione. Esso dovrà essere esibito all'atto dell'imbarco al personale addetto al controllo per rendere più agevole il transito dei pendolari. I relativi controlli saranno previsti dalla prima corsa del 22 aprile. Restano in vigore le disposizioni relative al controllo sanitario agli approdi della Rada San Francesco, della Stazione Marittima e di Tremestieri.

Intanto, la la Caronte & Tourist ha deciso di prorogare la validità del biglietto fino alle 18 del giorno successivo all'emissione. "Ci pareva assolutamente doveroso - si legge nel comunicato - venire incontro alle esigenze di quanti, ad esempio, impegnati in un turno di lavoro notturno, si sarebbero ritrovati la mattina con il biglietto scaduto poiche' fatto dall'altra parte dello Stretto la sera precedente".

CHI RIENTRA IN SICILIA. Restano invariate le disposizioni di obbligo di quarantena per tutti coloro che arrivano in Sicilia e per i soggetti positivi in stato di isolamento domiciliare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X