Domenica, 14 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Sabato in Sicilia supermercati aperti fino alle 23, arriva la circolare per agevolare le famiglie
REGIONE

Sabato in Sicilia supermercati aperti fino alle 23, arriva la circolare per agevolare le famiglie

coronavirus, Nello Musumeci, Sicilia, Politica
Coronavirus: code per entrare in supermercato

Il governo tiene duro e nonostante le polemiche non modifica di una virgola l'ordinanza sullo stop anche alle consegne a domicilio nei giorni di Pasqua e Pasquetta. Ma per agevolare le famiglie, in previsione delle due giornate di chiusura, i negozi alimentari già autorizzati potranno prolungare l'orario di apertura di sabato fino alle 23.

Lo ha disposto il governatore siciliano Nello Musumeci, con una circolare a firma del capo della Protezione civile regionale, Calogero Foti. Più tempo, dunque, per fare la spesa, evitando affollamenti e consentendo alle famiglie di poter prendere le provviste per affrontare i due giorni di festa.

La decisione arriva al termine di un'altra giornata di polemiche per le misure ritenute troppo severe. La rivolta della cassata è stata definita, perchè nei giorni della pandemia anche le tradizioni sono a rischio. E i siciliani potrebbero essere "condannati" a una Pasqua senza cassata. Le pasticcerie scontano infatti il lockdown e le consegne a domicilio, che in queste settimane hanno dato una boccata d'ossigeno a bar, ristoranti e clienti, devono fare i conti con il divieto deciso dal governatore siciliano Nello Musumeci.

Una decisione che non piace agli esercenti commerciali, alle associazioni di categoria, ai siciliani e a parte della politica. Il diktat del governatore, che nelle scorse settimane aveva imposto anche la chiusura dei supermercati nei giorni festivi, ha scatenato una rivolta: la "rivolta della cassata", capeggiata, pacificamente, dal presidente dell'Assemblea Regionale Gianfranco Miccichè.
Per ovviare al divieto clienti e pasticceri cercano di organizzarsi: i laboratori sono sommersi di prenotazioni. E' una corsa contro il tempo. L'imperativo è preparare più cassate possibile per consegnarle prima di Pasqua, prima cioè dello stop forzato. E il destino di chi compra, costretto a mangiare un dolce non fresco o addirittura scongelato, non è più roseo.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X