Giovedì, 21 Marzo 2019
ROMA

Migranti, Mattarella inaugura un centro d'accoglienza: "Serve una risposta globale"

mattarella centro accoglienza, mattarella venezuela, migranti Mattarella, Sergio Mattarella, Sicilia, Politica
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella all'inaugurazione del centro di accoglienza "Matteo Ricci"

È stato inaugurato oggi a Roma, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il nuovo 'Centro Matteo Ricci' per l'accoglienza e l'integrazione dei richiedenti asilo e rifugiati. La struttura si trova all'interno del Centro Astalli ed è dedicata al sostegno dei percorsi di inclusione sociale e delle relazioni "positive e costruttive tra rifugiati e comunità locali". Durante gli interventi hanno preso la parola anche due rifugiati 25enni, un migrante afghano e una donna camerunense, che hanno raccontato davanti al presidente Mattarella le difficoltà nel proprio Paese d'origine e il lungo viaggio fatto per arrivare in Italia.

"Accoglienza e integrazione sono le risposte alla concretezza di queste storie di sofferenza, dei conflitti, di difficoltà nell'arrivo e nell'approdo in Europa, avendo sempre ben ben chiaro che al centro c'è la dignità della persona umana e la solidarietà", ha detto il Presidente della Repubblica. "Il fenomeno delle migrazioni è epocale, è presente ovunque, irrompe ovunque, e questo ovunque ci riguarda, riguarda tutti noi, in qualsiasi parte del mondo, perché il mondo sempre più diventa più raccolto. Ciò - ha aggiunto - sottolinea l'esigenza che l'Onu raffigura di interventi globali, perché nessun Paese da solo è in grado di affrontare questo fenomeno".

"Secondo i dati dell'Onu - ha aggiunto Mattarella - i fuggiaschi, chi scappa della guerra, dalle carestie, persecuzioni sono circa 70 milioni: è un fenomeno che richiede un grande sforzo corale della comunità internazionale". 

Secondo Mattarella, infine, "non ci può essere incertezza né esitazione nella scelta tra la volontà popolare e la richiesta di autentica democrazia da un lato e dall'altro la violenza della forza". "Questa condizione ci richiede senso di responsabilità e chiarezza su una linea condivisa con tutti i nostri alleati e tutti i nostri partner dell'Unione europea. Nella scelta, d'altronde, che si propone non vi può essere né incertezza né esitazione: la scelta tra volontà popolare e richiesta di autentica democrazia da un lato, e dall'altro la violenza della forza e le sofferenze della popolazione civile".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X