Giovedì, 02 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Trivelle, accordo tra Lega e M5S: ok all'aumento dei canoni di 25 volte
L'INTESA

Trivelle, accordo tra Lega e M5S: ok all'aumento dei canoni di 25 volte

È stata trovata l'intesa tra Lega e Movimento 5 stelle sulla questione delle trivelle. Ora la commissione Lavori pubblici del Senato, in congiunta con la Affari costituzionali, potrà proseguire i lavori sul dl Semplificazioni.

I termini dell’accordo prevedono che non si sospendano più le concessioni per le estrazioni, che le concessioni in prossima proroga per le estrazioni non vengano sospese e che l’aumento dei canoni di concessione sia di 25 volte, invece di 35, rispetto al canone attuale, così come invece il M5S..

L’accordo prevede anche che vengano sospese per 18 mesi, nelle more dell’adozione di un piano nazionale, le ricerche di idrocarburi.

Grazie all’accordo M5s-Lega sul nodo trivelle "sono salvi i posti di lavoro" ed è "garantita - fanno notare fonti leghiste - la continuità di estrazione e rinnovo concessioni in proroga".

"Io sono uomo semplice, step by step. L'importante è che abbiamo iniziato un percorso con lo stile rigoroso di tutelare l’ambiente, la moratoria è già un bel passaggio". Così il ministro dell’Ambiente Sergio Costa lasciando Palazzo Chigi a chi gli chiede dell’intesa sulle trivelle.

Anche l’aumento dei canoni "di 25 volte non è poco, considerate - sottolinea - che le royalties per le estrazioni in Italia" attualmente "sono le più basse d’Europa, quindi ritorno nostor particolarmente basso, elemento molto significativa".

L’intesa sulle trivelle non rappresenta un passo indietro perché "intanto per me è un no alle trivelle e tra 18 mesi vediamo", aggiunge Costa.

"Rimane - aggiunge - tutta la questione ambientale sullo sfondo. Io sono particolarmente convinto che dobbiamo andare verso le fonti rinnovabili", che hanno un ritorno anche sul fronte dei "posti di lavoro diretti o indiretti di 10 a 1".

Quindi per il ministro "nessuno deve pensare che rimanga qualcuno indietro, che si perdano posti di lavoro: non è lo stile di questo governo e non accadrà. Siamo pronti anche ad aprire un tavolo di concertazione per i 'caschi gialli', come vengono definiti".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X