Mercoledì, 27 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Reddito di cittadinanza, blitz al centro per l'impiego di Termini e Palermo
SINDACATI

Reddito di cittadinanza, blitz al centro per l'impiego di Termini e Palermo

La presidente della commissione Lavoro in Senato, Nunzia Catalfo e l’assessore regionale al Lavoro, Mariella Ippolito, hanno visitato i Centri per l’impiego di Termini Imerese e Palermo ma si sono rifiutati  di incontrare i sindacati per discutere i problemi dei lavoratori. Lo riferiscono Fabrizio Masi, Franco Madonia e Angelo Lo Curto dei Cobas-Codir, Sadirs e Siad.
Le sigle avevano chiesto una convocazione che non è arrivata e si sono recati presso la struttura di Termini a rappresentare le istanze dei dipendenti regionali mortificati dal mancato riconoscimento delle reali funzioni svolte. “Avremmo voluto far comprendere alla delegazione – spiegano gli autonomi - che, nonostante le dichiarazioni poco accorte di qualche dirigente, i Centri per l'impiego sono pienamente funzionanti e operativi, che non è necessario rimpinguare la dotazione organica, ma solo che siano riconosciute le funzioni svolte da più di 20 anni dal personale addetto alle politiche del lavoro. Avremmo voluto, ma l'assessore appena ci ha visti, rivolta alle forze dell'ordine ha detto che non eravamo stati invitati”.
Della delegazione romana faceva parte anche la presidente della commissione Lavoro in Senato, Nunzia Catalfo, del gruppo M5S, catanese ed ex sportellista orientatore e selezionatore del personale, che si è recata in Sicilia in vista anche dell’attuazione del reddito di cittadinanza.
“Neanche la senatrice sportellista ha voluto incontrarci – proseguono i sindacati - avevamo chiesto solo cinque minuti per essere ascoltati, ma la stessa ha cortesemente diniegato dicendo che era in visita istituzionale e ci ha invitati a inviare una mail alla commissione Lavoro al Senato dove ci avrebbe ricevuti. A Roma, proprio così. Siamo al paradosso, ma i sindacati non si incontrano pure nelle visite istituzionali? Forse non hanno gradito che abbiamo detto che non servono altri 1.830 sportellisti in Sicilia e che gli uffici sono già adeguati di personale per ogni evenienza? In ogni caso, nel prendere atto della indisponibilità di tutta la classe politica a sentire il parere dei lavoratori, provvederemo nuovamente a invitare la senatrice Catalfo in Sicilia, per farle vedere con gli occhi dei dipendenti i Centri per l'impiego e il lavoro che svolgono i dipendenti, anche acquistando di tasca propria i beni strumentali più elementari, in locali dove da decenni non si fa disinfestazione e in assenza dei controlli obbligatori sulla salute dei lavoratori”.
"Sono sorpresa dalla presa di posizione del sindaco di Termini Imerese, Francesco Giunta, e dai rappresentanti di Cobas-Codir, Sadirs e Siad sull'odierna visita della Commissione Lavoro del Senato presso i Centri per l’Impiego di Termini e Palermo. Prima di tutto, a differenza di quanto riferito da alcuni organi di stampa, quello della Commissione da me presieduta non è stato un blitz ma una visita istituzionale programmata e concordata con l’Assessorato regionale nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui Centri per l’Impiego che stiamo svolgendo da luglio". Così in una nota Nunzia Catalfo, senatrice del MoVimento 5 Stelle e presidente della Commissione Lavoro. "In secondo luogo, non mi risulta che alla mia segreteria sia pervenuta alcuna richiesta di convocazione da parte delle tre sigle sindacali che ho trovato all’interno del Centro per l'Impiego, alle quali ho comunque manifestato il mio piacere e la mia disponibilità al dialogo in un altro momento. Un invito che rivolgo anche al sindaco Giunta, al quale dico che da parte mia e dell’organo parlamentare che ho l’onore di presiedere non c'è mai stata e mai ci sarà alcuna volontà di 'silenziarè i rappresentanti delle Istituzioni locali", aggiunge.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X