Mercoledì, 02 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Governo, Salvini pronto al preincarico: non si sblocca la trattativa Lega-M5s
LE CONSULTAZIONI

Governo, Salvini pronto al preincarico: non si sblocca la trattativa Lega-M5s

ROMA. L'ottimismo di Matteo Salvini ieri non è stato premiato e anche il secondo giro di consultazioni del presidente del Senato Elisabetta Casellati si è chiuso con un nulla di fatto. L'accordo tra Lega e M5s con la "partecipazione" esterna di FI-Fdi è una strada impercorribile.

La Casellati alle 12 è attesa al Colle per riferire a Sergio Mattarella l'esito delle sue consultazioni.

Ma nonostante il mancato accordo, le diplomazie di M5S e Lega non sono mai state così attive come nella giornata di ieri. Una giornata di contatti fittissimi, proposte, controproposte. Una giornata che potrebbe preludere ad un'ulteriore accelerazione con un pre-incarico a Di Maio o a Salvini che costringerebbe i due protagonisti in un angolo della trattativa ancora più stretto di quello di ieri.

I contatti tra il leader del M5S e il leader leghista emergono già in mattinata. Entrambi hanno bisogno di uscire da un "cul de sac" che si sta facendo rischioso e che potrebbe portare uno dei due direttamente all'opposizione di un governo istituito con la regia del presidente Mattarella. Di Maio, per la prima volta in maniera netta, apre al sostegno esterno di FI e Fdi e, secondo quanto raccontano fonti parlamentari, propone all'interlocutore un tavolo tematico con i capigruppo di M5S e di tutti i partiti del centrodestra. La proposta viene respinta.

Berlusconi non vuole un appoggio esterno ma vuole essere parte del governo. Ma Di Maio non va oltre. Sa che un abbraccio con l'ex Cavaliere gli taglierebbe le gambe di fronte agli elettori.

Il suo "no" a Berlusconi è duro e, si apprende da ambienti azzurri, innesca ancora l'ira dell'ex premier a cui, si sottolinea, Salvini aveva garantito dei toni morbidi da parte di Di Maio. Al punto che, si osserva in FI, anche il leader della Lega sarebbe rimasto sorpreso dalla durezza del leader del M5S.

Ma la chiusura nasconde anche un passo avanti. Perché il tempo corre, e dalle parti di M5S e Lega sanno perfettamente che l'alternativa al fallimento potrebbe essere anche un governo del presidente che, seppur breve e propedeutico a nuove elezioni non potrebbe essere, come tutti gli esecutivi, a tempo. Ecco perché l'accordo M5S-Lega è ancora possibile. Un accordo che, comunque, non verrà illustrato a Mattarella dal presidente del Senato, che si limiterà ad illustrare il contenuto delle consultazioni.

Il borsino delle ultime ore vede un mandato esplorativo al presidente della Camera Roberto Fico meno probabile rispetto a un pre-incarico. Ma a chi potrebbe andare, a questo punto? Le parole di Salvini, quel "scendo in campo io", potrebbero presupporre che sia lui a chiedere l'incarico per guidare un governo infarcito di ministri pentastellati, arrivando alla rottura con Silvio Berlusconi. Ed è un'ipotesi che sembrerebbe trovare sponda nelle sibilline parole di Di Maio che, respingendo un tavolo a 4 con i leader del centrodestra, fa riferimento a un esecutivo con "Di Maio al governo senza essere alla presidenza del Consiglio".

Parallelamente il leader M5S ha rispettato tutti binari tracciati da Mattarella nella politica estera ed Ue. E chissà che il suo atlantismo non lo porti ad avere un pre-incarico dalla duplice soluzione: ottenere il voto (e lo strappo con FI) della Lega o il sostegno di un Pd ancora fermo all'opposizione ma mai così come in queste ore così in fermento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X