Lunedì, 26 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Disabili gravi, Faraone: più fondi alla Sicilia dall'accordo Stato-Regione sull'Iva
IL PROVVEDIMENTO

Disabili gravi, Faraone: più fondi alla Sicilia dall'accordo Stato-Regione sull'Iva

accordo stato regioni, disabili grazi, ripartizione iva, Davide Faraone, PIF, Rosario Crocetta, Sicilia, Politica
Davide Faraone

PALERMO. "E' stato raggiunto in queste ore l'accordo fra lo Stato e la Regione siciliana sulla ripartizione dell'Iva. Alla Sicilia arriveranno nuove risorse e una parte di queste saranno anticipate da subito per garantire l'assistenza ai disabili gravi". Lo annuncia il sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, a proposito dell'esigenza di rimpinguare i fondi regionali per garantire l'assistenza.

"Si tratta di atti concreti - conclude Faraone - che governo nazionale e governo regionale compiono insieme guardando alle reali esigenze e non alle polemiche e alle divisioni che non devono mai pesare sulle azioni che si compiono nell'interesse dei cittadini, in questo caso dei disabili gravi".

Duro il sottosegretario alla Salute, intervenendo sulla notizia di un anomalo proliferare dei disabili gravissimi in Sicilia negli ultimi anni:"Il fenomeno è già in parte noto soprattutto nell'Agrigentino, dove sono state tante le revoche dei privilegi derivanti dalla 104 dovute proprio alla scoperta di questi atteggiamenti - aggiunge -. Chi rilascia attestazioni con leggerezza, chi si inserisce nelle maglie del sistema per piegarlo a proprio uso, va individuato a colpito. La nostra politica deve essere di tolleranza zero verso questi fenomeni".

"Allo stesso tempo - continua Faraone - dobbiamo però garantire senza ritardo l'assistenza a chi ne ha necessità e impedire che questi atteggiamenti criminali diano una immagine distorta della realtà. Chi si finge disabile di fatto 'ruba' il diritto a chi invece lo è davvero".

"Approfittare delle norme di civiltà pensate per fornire assistenza a chi ne ha bisogno per ottenere vantaggi personali è una cosa indegna, un atteggiamento che in più di una occasione ho definito e continuo a definire criminale perché, oltre a perpetrare una truffa, si danneggia proprio chi ha bisogno di una assistenza 24 ore su 24".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X