Lunedì, 24 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Trattative in casa Pd per evitare la scissione, Renzi apre a Emiliano
NEL PARTITO

Trattative in casa Pd per evitare la scissione, Renzi apre a Emiliano

partito democratico, pd, Matteo Renzi, Sicilia, Politica
Matteo Renzi e Michele Emiliano - Ansa

ROMA. Davanti al baratro, il Pd si ferma per provare a non precipitare nella scissione. E agli appelli, ai tentativi di mediazione, si aggiungono i contatti di Matteo Renzi, che sente i tre esponenti della minoranza Dem candidati al congresso: Enrico Rossi, Michele Emiliano e Roberto Speranza.

Ci sono ancora quarantotto ore prima dell'assemblea che dovrà convocare il congresso: si tenta fino all'ultimo di ricucire. Ma tra i renziani c'è chi è convinto che una parte della minoranza abbia già rotto. E di certo non aiuta il fuorionda di una chiacchierata del ministro Graziano Delrio con il collega Michele Meta: "Con Renzi si è litigato di brutto. Non ha fatto nemmeno una telefonata. Poi ci sono anche dentro i renziani che" valutano positivo se "diminuiscono i posti da distribuire".

Renzi è a colazione a casa di Delrio quando sui siti rimbalza il fuori onda. L'audio risale a un convegno del pomeriggio precedente. Il segretario guarda il video assieme a Delrio, c'è un momento d'imbarazzo e il chiarimento all'interno di un rapporto che - assicurano fonti vicine ai due - è da sempre "fraterno".

Anche perché, raccontano, il ministro ha sempre detto a Renzi quel che pensa. E giovedì sera - in un colloquio avvenuto dopo il convegno - insieme hanno deciso che valesse la pena per Renzi fare un ultimo tentativo per evitare la scissione, con un'intervista-appello sul Corriere della sera. Il segretario, raccontano i renziani, tesse la sua tela per l'unità: giovedì, riferiscono, ha sentito Enrico Rossi e Andrea Orlando, oggi ha parlato per un'ora con Michele Emiliano e domani sentirà al telefono il terzo candidato alla segreteria della minoranza Dem, Roberto Speranza. Perché, sottolineano uomini vicini al segretario, il congresso non è un puntiglio di Renzi ma compie un momento fondamentale nella vita del Partito democratico, che non è né di Renzi né di Bersani.

A Emiliano l'ex premier - riferiscono fonti a lui vicine - ricorda che è stato lui a lanciare una petizione e una raccolta firme per il congresso subito: perché ha cambiato idea? E' vero, replica il presidente pugliese, ma il tentativo era frenare la corsa alle urne ad aprile.

La 'finestra' di giugno è saltata, lo rassicura Renzi, Gentiloni può andare avanti fino al 2018. Ma i due continuano a non essere d'accordo sui tempi del congresso: "prima delle amministrative", dice il segretario, "in autunno, a fine settembre o ottobre", replica il governatore. E aggiunge un impegno: se il Pd dovesse perdere le comunali, la minoranza non proverà ad affossare il segretario addossandogli la colpa. Renzi ascolta e prende nota, ma a sera, quando da Firenze sente al telefono chi gli è vicino, non sembra aver cambiato idea. A margine del Consiglio dei ministri intanto va in scena un inedito 'conclave' di ministri Dem, rappresentativi di tutte le aree della maggioranza, che si interrogano su come uscire dall'impasse: ci sono Dario Franceschini (propone una mediazione su confronto programmatico e primarie il 7 maggio, esclusione di elezioni a giugno), Andrea Orlando (spinge per una frenata sulle primarie e una conferenza programmatica), Maurizio Martina, Luca Lotti, Graziano Delrio, Roberta Pinotti, Claudio De Vincenti, Marco Minniti.

Concordano tutti che la scissione sarebbe una tragedia, i toni sono assai preoccupati: le conseguenze sul governo di una rottura del Pd sono incalcolabili. Per qualche minuto con i ministri si fermano anche Maria Elena Boschi e Paolo Gentiloni. Ma per ora il premier si tiene fuori dalla discussione interna al partito: domenica sarà in assemblea, ma parlerà solo se indispensabile.

La via è davvero stretta ma il tentativo in corso è recuperare il recuperabile. Nella maggioranza Pd si fa largo l'idea che si debba aprire alla possibilità di un congresso da avviare a maggio o giugno e concludere con le primarie a ottobre. Ma i 'pasdaran' renziani sono convinti che oltre maggio non si possa andare. E, se lo strappo di Pier Luigi Bersani e i suoi viene ritenuto ormai inevitabile, la persuasione è che si possa convincere Gianni Cuperlo, Enrico Rossi e Michele Emiliano a non rompere e sfidare Renzi nel congresso interno in primavera.

Come garanzia, gli si proporrebbe una conferenza programmatica da tenere prima delle primarie e parole chiare sull'esclusione del voto a giugno.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X