Mercoledì, 03 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Due regionali su tre lavorano in periferia. "Trasferimenti non bastano"
I NODI DELLA SICILIA

Due regionali su tre lavorano in periferia. "Trasferimenti non bastano"

di
Lunedì scatta la trattativa coi sindacati sul piano di tagli e accorpamenti degli uffici. I confederali: i criteri più trasparenti

PALERMO. Solo 6.200 dipendenti regionali lavorano a Palermo, nella sede centrale degli assessorati. Praticamente meno della metà dei quasi 16 mila complessivi, esclusi i 1.700 dirigenti. Gli altri novemila e passa impiegati sono sparsi per le varie province: più di seimila nei capoluoghi e oltre 3 mila in servizio presso una miriade di micro uffici di paese. Ora che mille dipendenti sono andati in pensione, gli uffici si stanno svuotando e l' amministrazione è piombata nel caos.
«Ma la circolare per i trasferimenti d' ufficio del personale è valida- chiarisce l' assessore alla Funzione pubblica, Luisa Lantieri - se qualcuno pensa il contrario si sbaglia. Il problema è che in molti casi rischia di non essere sufficiente e va discussa coi sindacati. Serve una più ampia riorganizzazione».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X