Martedì, 11 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Nel Pd si litiga sul capogruppo: Parlamento paralizzato
ARS

Nel Pd si litiga sul capogruppo: Parlamento paralizzato

di

PALERMO. Il Pd non riesce ad eleggere il proprio capogruppo, esce ancora più spaccato da una notte di confronto e oggi si prepara a un nuovo braccio di ferro sulle presidenze delle commissioni parlamentari.
È una crisi infinita, quella che sta paralizzando la Regione e l' Ars. Una soluzione era attesa dall' elezione del capogruppo Pd, necessaria dopo l' ingresso di Cracolici in giunta. Ma una riunione all' Ars andata in scena fino a oltre le due di martedì notte ha, se possibile, peggiorato la situazione. L' area Cracolici rivendicava la guida del gruppo ma i renziani vicini a Faraone hanno provato a imporre un loro candidato, Luca Sammartino, complice l' accordo con l' area Lupo.
Tuttavia l' etneo Sammartino non è riuscito a superare ben due votazioni.
Contestato dall' area Cracolici perchè non eletto nel 2012 nel Pd: è arrivato all' Ars sotto le insegne dell' Udc e poi ha fondato Articolo 4, il movimento ora confluito nel Partito democratico.
Sammartino ha preso meno voti di quelli che l' alleanza fra Faraone e Lupo gli avrebbe garantito. E, soprattutto, nella seconda votazione è stato superato da Alice Anselmo, giovane deputata palermitana, anche lei renziana, su cui sono confluiti i voti di Cracolici: l' elevato numero di schede bianche ha però impedito a entrambi di raggiungere il quorum. Si andrà quindi al ballottaggio, da fissare entro una settimana.
Ameno che non spunti un terzo nome, frutto di accordi, che suggerisca ai due di ritirarsi, il Pd all' Ars sarà guidato da un deputato di nuovissimo corso: la Anselmo è stata eletta nel listino di Crocetta, poi ha lasciato il Megafono per l' Udc ed è passata prima al Pdr di Cardinale e poi ad Articolo 4. Da qui l' ingresso nel Pd, ala Faraone.
Il risultato di ieri, sottolineano i più vicini a Cracolici, ridimensiona l' espansione di Faraone: le votazioni dimostrano che in questo momento non riuscirebbe a governare il gruppo. E dimostrano anche quanto sarà difficile la partita che si giocherà oggi sul rinnovo delle commissioni. Secondo i boatos ci sarebbe un accordo che prevederebbe la Bilancio a Ncd con Vincenzo Vinciullo e la Affari istituzionali al Megafono-Pse con Giovanni Di Giacinto. Il Pd dovrebbe passare da tre a due presidenze e mantenere la Sanità con Pippo Di Giacomo (l' altra andrebbe aun renziano ancora da individuare). L' Udc guiderebbe una commissione con Margherita La Rocca. Una commissione andrà al movimento di Cardinale e una anche ai grillini, che dovrebbero confermare Giampiero Trizzino alla Territorio. Ma sono accordi ballerini, che non tengono conto delle fibrillazioni nel principale partito.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X