Giovedì, 29 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Da Salvini ok alle primarie di centrodestra
LEGA NORD

Da Salvini ok alle primarie di centrodestra

Leader Lega, chiediamo a italiani chi deve sfidare Renzi

Le primarie? Facciamole per decidere chi deve battere Renzi. È la sfida che Matteo Salvini lancia a  Silvio Berlusconi. Ieri il leader di Forza Italia con una nota aveva chiuso - o immaginava di averlo fatto - il dibattito sempre più acceso nel centrodestra sulle modalità di scelta dei candidati alle comunali del 2016 e, magari, di un eventuale voto anticipato. Oggi, il giovane segretario del Carroccio lo riapre, riaccendendo l'entusiasmo degli alleati più «piccoli» e di qualche «eretico» forzista.

«Meglio gli accordi tra partiti politici», ha scritto ieri il Cavaliere. E Salvini sembra riferirsi proprio a queste parole quando spiega che «non è più tempo di decidere le candidature  nel buio di qualche stanza». «Mentre la sinistra scappa perchè ha paura del confronto con i cittadini e rinuncia alle primarie - aggiunge - sarebbe un bel segnale andare in contropiede e chiedere agli italiani chi deve sfidare Renzi». Ma la sfida è  rivolta soprattutto alla scelta dei candidati sindaci delle città dove si voterà il prossimo anno. E tra queste ci sono Milano, Napoli e Bologna. «Scelgono i cittadini. A Milano? Ovunque, da Cernusco sul Naviglio a qualunque Comune che va al voto anche perchè la Lega ha uomini, donne e progetti all'altezza e graditi ai cittadini», sottolinea Salvini.

La voglia di primarie ha già mandato in fibrillazione il centrodestra. Tra gli azzurri Renato Brunetta e Giovanni Toti  non nascondono di essere favorevoli ad una «competizione di coalizione», seppure come «extrema ratio» per trovare una quadra tra gli alleati. E per una volta si trova d'accordo con Raffaele Fitto, l'ex collega di partito ed ora leader di Conservatori e Riformisti che benedice l'idea di Salvini («Bene, ora parliamo di contenuti») e suggerisce di seguire il «modello del Partito Repubblicano americano, che le primarie le fa».

È proprio questo il punto: tra i forzisti molti non si fidano della Lega. Le primarie a Matteo Salvini stanno bene a livello locale per scegliere i sindaci - spiegano fonti interne - ma a livello nazionale alla fine si tirerà indietro perchè contro Berlusconi non vincerebbe. Nel partito viene vista particolarmente male l'eccessiva intraprendenza del segretario leghista, specialmente nelle ultime settimane: la proposta di una «serrata d'opposizione» di tre giorni contro il governo Renzi annunciata senza prima consultare gli alleati, la
candidatura autonoma di un leghista per Bologna, gli attacchi alla Chiesa fatti senza tener conto dell'elettorato cattolico di Forza Italia. Tutte prese di posizione completamente indipendenti che - è il ragionamento - vanno a scontrarsi con una logica di coalizione. D'altronde, è ancora vivo il disappunto del «se Fi ci sta, bene; altrimenti la Lega va da sola» pronunciato da Salvini quando si dovevano indicare i candidati alle ultime Regionali. Infine, c'è la questione dei «brogli» visti alle primarie Pd in Liguria e a Roma. Berlusconi teme che episodi simili possano verificarsi e danneggiare il partito.

All'interno di Forza Italia, Brunetta e Toti insistono per le primarie. Il governatore ligure le giudica «uno strumento d'appello o una sorta di Cassazione qualora le forze politiche del centrodestra non trovino un accordo prima». Secondo il  capogruppo alla Camera, «la Lega sta acquistando sempre più peso» ma proprio per questo va rilanciato «il tema delle regole  per scegliere i candidati comuni».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X