Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Il mutuo da 2 miliardi affonda il governo E ora il ddl torna in commissione
ARS

Il mutuo da 2 miliardi affonda il governo
E ora il ddl torna in commissione

Una richiesta del Movimento Cinque Stelle e un voto d'aula per «alzata e seduta» ha lasciato strascichi e polemiche
ars, governo, movimento cinque stelle, mutuo, Sicilia, Politica
Palazzo dei Normanni

PALERMO. Governo e maggioranza affondano all'Ars: il disegno di legge sul mutuo da 1.7 miliardi torna infatti in commissione dopo una richiesta del Movimento Cinque Stelle e un voto d'aula per «alzata e seduta» che ha lasciato strascichi e polemiche. La seduta è iniziata intorno le 17,30 dopo la fine del vertice di maggioranza che si è tenuto a Palazzo d'Orleans sulla bozza di finanziaria.

All'inizio dei lavori ha preso la parola il capogruppo del Pd Baldo Gucciardi chiedendo di «sospendere la seduta per alcuni minuti, per  permettere alle forze della maggioranza di raccordarsi sui lavori d'aula». Subito è intervenuto il presidente di turno Antonio Venturino: «Mi sembra che da più parti ci sia la richiesta di un rinvio, a questo punto è forse più opportuno rinviare direttamente a domani».

Da quel momento si sono succeduti numerosi interventi in ordine sparso: Marco Falcone (Fi) ha sottolineato che il rinvio a domani sarebbe stato improponibile dal momento che con l'inizio delle votazioni per il presidente della Repubblica, l'Ars si troverà privata di tre deputati indicati come «grandi elettori». Poi è stata la volta dell'assessore alla Salute Lucia Borsellino, che a nome del governo ha chiesto il rinvio della seduta a martedì prossimo.

Quindi il capogruppo del Movimento Cinque Stelle Valentina Zafarana che ha chiesto il formale rinvio del ddl sul mutuo in commissione. A quel punto il presidente Venturino ha aperto la votazione per «alzata e seduta», che si è conclusa con l'approvazione della richiesta dei grillini. Il ddl torna dunque in commissione, dove si dovrà tenere un approfondimento sul testo. Subito dopo, se la commissione darà voto favorevole, il ddl potrà tornare in aula. Alla fine, Venturino ha rinviato l'aula a domani alle 16: in base alle decisioni delal conferenza dei capigruppo, sarà incardinato il Dpef.

SCURE SUL PERSONALE DELLA REGIONE.  Tagli nella dotazione organica, blocco del turn over per 4 anni, adeguamento agli statali del calcolo delle pensioni, riduzione del salario accessorio, pensionamento forzato per chi ha requisiti delle quiescenza, abolizione della norma di salvaguardia per i dirigenti.  È una vera e propria scure quella che potrebbe abbattersi sui 16mila dipendenti della Regione siciliana in base alle norme contenute nella bozza di finanziaria consultata dall'ANSA e anticipata dal governo ai partiti della maggioranza nel corso del vertice tenutosi nel pomeriggio a Palazzo d'Orleans. Il governo fissa la dotazione organica in base al personale in servizio a fine 2014 dunque chi andrà in pensione non sarà sostituito. Gli organici saranno ulteriormente ridotti dal 2016 al 2019 in numero pari al 50 per cento dei dipendenti che andranno via nell'anno precedente, la riduzione sarà maggiore per i dirigenti. Divieto di assunzioni anche nel 2016. Per i dirigenti scompare la clausola di salvaguardia che consentiva loro di mantenere intatta la retribuzione nonostante la presenza rimozione dall'incarico.  Tagli anche ai permessi per motivi familiari e personali (solo 3 all'anno) e alle pensioni con l'abolizione del sistema misto di calcolo e il passaggio al contributivo che avrà un impatto su almeno 7 mila dipendenti del comparto.

TAGLI SUI CONSIGLI COMUNALI. Nella bozza di finanziaria presentata dal governo ai partiti di maggioranza è prevista anche la riduzione dei componenti dei consigli comunali. Nelle città con oltre 500mila abitanti come Palermo il numero dei consiglieri passa da 50 a 40, ma la norma interviene anche per le città con popolazione inferiore, fino a 10 membri per i comuni con meno di 3 mila abitanti. La riduzione entrerebbe in vigore alla primo rinnovo elettorale utile. Vengono ridotti all'entrata in vigore della legge anche indennità di funzioni e gettoni di presenza del 20 per cento. Stretta pure sui permessi e le licenze degli amministratori locali e sull'espletamento del mandato.

ADDIO IACP, NASCE L'ASPA. Addio agli Istituti autonomi case popolari che saranno posti in liquidazione. E addio anche all'ente autonomo portuale di Messina. Le norme sono contenute nella bozza di finanziaria presentate dal governo ai partiti della maggioranza. Le funzioni degli Iacp passeranno all'Aspa, l'Agenzia siciliana per le politiche abitative che sarà istituita con decreto dal Presidente della Regione e acquisirà il patrimonio degli Istituti.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X