Martedì, 26 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Terrorismo, permesso di soggiorno a fonti dei servizi
007

Terrorismo, permesso di soggiorno a fonti dei servizi

Più di cento gli "specialisti" 007 assunti in tre anni. Le misure in consiglio dei ministri il 28

ROMA. C'è anche la concessione del permesso di soggiorno agli informatori dell'intelligence nel pacchetto antiterrorismo che il Consiglio dei ministri dovrebbe approvare mercoledì prossimo.

Il condizionale è d'obbligo dopo che il provvedimento è saltato all'ultimo momento due volte in pochi giorni. Gli uffici legislativi interessati sono al lavoro sulle bozze: coinvolti Interno, Giustizia, Difesa, Esteri, Economia ed anche la presidenza del Consiglio per la parte che riguarda i servizi segreti. E proprio il responsabile per questi ultimi, il sottosegretario Marco Minniti, ha preparato le sue proposte per il settore che mirano, si legge in un documento di presentazione, ad "elevare, in maniera mirata, la capacità degli organismi di sicurezza a fronteggiare" la minaccia terroristica.

Sul piano legislativo si punta ad ampliare le garanzie funzionali per gli 007 che operano in scenari ad alto rischio, con la possibilità - ad esempio - di testimoniare con identità fittizia in modo da tutelare gli infiltrati. Si intende poi fornire "nuovi strumenti di acquisizione informativa", che vanno dai colloqui con i detenuti (ora vietati dalla legge per gli agenti dei servizi) al rilascio di permessi di soggiorno a fini informativi. Nel primo caso l'obiettivo è quello di mettere sotto stretto monitoraggio un ambiente, quello carcerario, particolarmente delicato in cui si fa proselitismo e propaganda jihadista e che ospita diversi soggetti da 'attenzionare'.

Nel secondo caso lo scopo è riconoscere ed incentivare il contributo delle fonti utilizzate dai servizi nella tutela contro la minaccia jihadista. Ci sarà inoltre un piano di acquisizione straordinaria nell'intelligence di professionalità specialistiche: il reclutamento riguarderà 100 unità aggiuntive nel triennio 2015-2017 nei campi del terrorismo di matrice religiosa, della conoscenza di lingue rare e della sicurezza cibernetica: 5 milioni di euro la spesa aggiuntiva prevista. Infine, ci saranno ammodernamenti tecnologici con il potenziamento dei database, della capacità di ricerca e di condivisione delle informazioni, degli strumenti informatici e dei collegamenti.

Intanto, il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, intervistato da Affaritaliani.it, informa: "Questa settimana ci è stato fornito un nuovo elenco di soggetti che si sono aggiunti alla lista di coloro che vengono seguiti con attenzione dall'intelligence. Abbiamo verificato anche come alcune di queste persone siano già oggetto di indagine da parte della magistratura. L'incremento del numero di soggetti inseriti negli elenchi da una parte fa piacere, perché dimostra che c'è attenzione massima da parte dei nostri servizi di sicurezza ma, dall'altra, preoccupa perché vuole dire che in questo momento c'è un numero maggiore di persone potenzialmente pericolose".

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X