Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regione, definite le linee guida per il rinnovo dei contratti di lavoro

Regione, definite le linee guida per il rinnovo dei contratti di lavoro

L'intesa è stata raggiunta al termine di una lunga riunione tra l'assessore regionale per le Autonomie locali, Caterina Chinnici, e i rappresentanti delle 8 sigle sindacali (Cgil, Cisl, Uil, Sadirs, Cobas-Codir, Dirsi, Ugl e Siad) rappresentative dei dipendenti dell'amministrazione regionale

PALERMO. Definite le linee guida per il rinnovo dei contratti di lavoro dei dipendenti regionali per il quadriennio 2006/2009 (sia giuridico che economico) che riguardano i dirigenti e dei bienni 2006/2007 (solo giuridico) e 2008/2009 (giuridico ed economico) per il personale del comparto.    L'intesa è stata raggiunta al termine di una lunga riunione tra l'assessore regionale per le Autonomie locali, Caterina Chinnici, e i rappresentanti delle 8 sigle sindacali (Cgil, Cisl, Uil, Sadirs, Cobas-Codir, Dirsi, Ugl e Siad) rappresentative dei dipendenti dell'amministrazione regionale.    Per quanto riguarda la parte economica, per i dirigenti l'incremento, per il biennio 2006/2007, sarà del 4,85% e per il 2008/2009 del 3,2% analogamente a quanto previsto in campo nazionale.


Per il personale del comparto, l'incremento a regime sarà, per il biennio 2008/2009, del 3,2%.    Dopo la fase concertativa, i due documenti andranno all'attenzione del governo regionale, che nel corso della prima seduta utile della giunta elaborerà le direttive da dare all'Aran per l'avvio immediato della contrattazione con i sindacati. Se, durante la trattativa, il rinnovo della parte giuridica dovesse risultare più complesso, la parte economica verrà separata ed entrerà subito in vigore, essendo già stabiliti i tetti massimi di aumento.    Per quanto riguarda i dirigenti, oltre all'incremento del tabellare, è prevista la possibilità di modificare la retribuzione di parte variabile e quella di risultato. Anche per il comparto verrà aggiornata la parte accessoria della retribuzione attraverso un sistema unico di valutazione fondato su criteri di premialità in favore dei più responsabili e meritevoli. Previste novità anche per quanto riguarda altri istituti come quello relativo alle assenze per malattia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X