Venerdì, 03 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo La regina Elisabetta non sta bene, deve rinunciare alla conferenza sul clima
NIENTE COP26

La regina Elisabetta non sta bene, deve rinunciare alla conferenza sul clima

di

Si allungano nuove ombre sulle condizioni regina Elisabetta, 95 anni, costretta a rinunciare, su tassativa «raccomandazione dei medici», anche alla CoP26 di Glasgow, cruciale conferenza internazionale sul clima a presidenza britannica destinata a entrare nel vivo lunedì prossimo: ossia all’appuntamento più sentito dalla famiglia reale in questo scorcio di 2021.

L'annuncio ufficiale

L’annuncio della cancellazione del viaggio della sovrana dei record in Scozia - fissato in agenda da tempo al fianco del primogenito ed erede al trono Carlo e del nipote Wiliam - è stato dato stasera con il solito comunicato ufficiale, breve e dai toni sfumati, di Buckingham Palace. E arriva dopo la settimana di riposo prescritta dai dottori di corte a Elisabetta II già da martedì scorso, giorno in cui era stata data notizia dell’improvvisa rinuncia d’una prevista visita in Irlanda del Nord. Settimana durante la quale l’inossidabile monarca ha dovuto per di più piegarsi a un rarissimo ricovero in ospedale di poco meno di 24 ore a Londra per essere sottoposta a imprecisati accertamenti diagnostici «preliminari».

I medici le hanno ordinato di restare a riposo

«Successivamente alla raccomandazione medica di restare a riposo», la regina continua a limitarsi per il momento a svolgere «impegni ufficiali leggeri nel castello di Windsor», si legge nella nota di stasera. Quanto alla CoP26, invece, «Sua Maestà ha deciso con rammarico di rinunciare al viaggio a Glasgow» per «il ricevimento serale di lunedì primo novembre», aggiunge la corte. Non senza sottolineare che ella «è dispiaciuta di non poter essere presente» alla conferenza, ma indirizzerà comunque «una discorso ai delegati riuniti in assemblea attraverso un videomessaggio registrato». Fonti ufficiose hanno tenuto del resto a far presente come la matriarca di casa Windsor speri che la sua assenza, dovuta a stato di necessità, non venga usata a mò di “alibi» da altri leader del mondo per giustificare le proprie eventuali defezioni. Defezioni che la stessa sovrana, in un colloquio privato carpito dalle telecamere un paio di settimane orsono, non aveva esitato a bollare come «irritanti», denunciando il comportamento di quei leader che «parlano ma non fanno» abbastanza per contrastare i cambiamenti climatici e la minaccia incombente sul futuro del pianeta. Un tema su cui, al pari del principe Carlo - storico pioniere della causa ambientalista - e del principe William, Sua Maestà ha mostrato di recente di essere pronta ad alzare la voce, quasi in sintonia con giovani attivisti come la svedese Greta Thunberg. Sia come sia, il suo forfait rafforza ora gli elementi d’inquietudine sulla sua salute, tenuto conto di un’anagrafe che è quella che è anche a dispetto della straordinaria fibra della figlia di Giorgio VI.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X