Venerdì, 03 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Uccise i vicini che gli impedivano di farsi una casa, muore durante la fuga
CINA

Uccise i vicini che gli impedivano di farsi una casa, muore durante la fuga

Secondo la polizia si è ucciso per sfuggire all’arresto, tra la gente prevale l'incredulità
Sicilia, Mondo
Il luogo dove si è consumata la tragedia di Ou Jinzhong

E’ morto il fuggitivo Ou Jinzhong, la cui sorte aveva tenuto con il fiato sospeso milioni di persone in Cina, destando dolore e rabbia sui social. Milioni di persone avevano fatto il tifo perchè il ricercato riuscisse a sfuggire alla giustizia, dopo la fuga in seguito all’omicidio di due suoi vicini che per anni lo avevano vessato impedendogli di costruire una casa, nonostante il via libera delle autorità.
Secondo un comunicato della polizia emesso in serata, citato dalla Cnn, Ou si è ucciso per sfuggire all’arresto, e a nulla sono serviti i tentativi di salvataggio e il ricovero in ospedale. Per giorni la polizia e le forze paramilitari cinesi hanno cercato il 55enne fuggitivo del Fujian, nel sud-est della Cina, prima di trovarlo nel pomeriggio di oggi in una grotta su una collina, secondo il comunicato della polizia.
Il 10 ottobre scorso, Ou aveva attaccato a colpi di coltello il suo vicino di casa di 78 anni, e la nuora, uccidendoli, e nella furia ha ferito altri tre loro familiari, tra cui un bambino di nove anni.

La simpatia suscitata dal fuggitivo è altamente inusuale, soprattutto per un ricercato per omicidio, ma l’uomo aveva dimostrato nel corso degli anni di non essere un criminale, tutt'altro, salvando un bambino dall’annegamento in mare, e soccorrendo due delfini che si erano arenati su una spiaggia. La sua rabbia era giustificata dalle vessazioni a cui era stato sottoposto e dalla corruzione dell’amministrazione locale, secondo milioni di utenti di Weibo, il social network più popolare in Cina, che hanno apertamente tifato per un lieto fine della sua vicenda.
A destare polemiche era stata anche la taglia messa su di lui nel caso fossero state portate prove della sua morte alle autorità - una ricompensa di 50mila yuan (6.700 euro) - molto più alta di quella per sole informazioni riguardanti la sua ubicazione (20mila yuan, pari a circa 2.680 euro). La notizia della sua scomparsa ha rattristato molti utenti dei social cinesi.
«E' la notizia più triste che abbia mai letto» ha scritto uno di loro. E c'è anche chi non è convinto della versione ufficiale. «Si è ucciso subito dopo essere stato trovato? Il pubblico non si farà convincere così facilmente», ha commentato un utente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X