Lunedì, 08 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Coronavirus, Ue: "Un certificato potrebbe incentivare le vaccinazioni"
DOCUMENTO DIGITALE

Coronavirus, Ue: "Un certificato potrebbe incentivare le vaccinazioni"

coronavirus, vaccino, Sicilia, Mondo
Al via i richiami del vaccino allo Spallanzani

Un certificato di vaccinazione Covid digitale e registrato su piattaforme interoperabili, per favorire uno scambio di dati veloce tra Paesi Ue, e facilitare l'analisi dell’Agenzia europea del farmaco. Su questo sono al lavoro la Commissione e gli Stati, secondo quanto spiegato dal vicepresidente dell’Esecutivo comunitario, Maros Sefcovic, e dalla presidente di turno del Consiglio Ue, il segretario di stato portoghese agli Affari europei, Ana Paula Zacarias.

"Siamo in contatto attivo con gli Stati membri su come procedere" sulla questione dei certificati di vaccinazione, che potrebbe "rafforzare la campagna delle vaccinazioni". Lo ha detto la commissaria Ue alla Salute, Stella Kyriakides, nel suo secondo intervento alla plenaria del Parlamento europeo.

"Diamo il benvenuto a tutti gli input, come quello del premier greco Mitsotakis - ha aggiunto -. Questo sarà un argomento alla videoconferenza dei leader insieme alla campagna delle vaccinazioni".

Per il momento l’unico fine del certificato è medico, ma in futuro potrebbe essere usato anche come passaporto sanitario per viaggiare, come auspicato dal premier greco Kyriakos Mitsotakis. A patto però che siano individuati punti di equilibrio per evitare discriminazioni e limitazioni di libertà. "Stiamo già lavorando con gli Stati a linee guida per assicurare l’interoperabilità dei certificati digitali di vaccinazione. In questo momento la cosa più importante è raccogliere i dati a scopo medico, per misurare l’efficacia delle vaccinazioni", ha spiegato Sefcovic.

"Solo successivamente sarà posta la questione di come questi certificati possono essere usati anche per altri fini. Ma come chiarito da Commissione e presidenza di turno, la vaccinazione è volontaria. Per questo prenderemo tutte le precauzioni per evitare qualsiasi discriminazione o limitazione dei diritti. Queste però sono questioni che arriveranno in futuro: prima occorre mettere a punto un sistema che funzioni a scopo medico. La questione dei viaggi sarà per un momento successivo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X