Venerdì, 25 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Trump minaccia la sospensione definitiva dei finanziamenti a Oms
PRESA DI POSIZIONE

Trump minaccia la sospensione definitiva dei finanziamenti a Oms

CINA, USA, Donald Trump, Sicilia, Mondo
Donald Trump

Se l’Oms «non si impegna su sostanziali miglioramenti nei prossimi 30 giorni, renderò definitiva la mia decisione temporanea di sospendere i finanziamenti Usa all’Organizzazione mondiale della sanità e riconsidererò la nostra adesione all’Oms». E’ quanto scrive il presidente americano Donald Trump in una lettera inviata al direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, postata su Twitter, in cui il tycoon elenca le accuse sulla gestione della crisi del Covid-19 e l’eccessiva vicinanza alla Cina.

Nel post, Trump scrive che «questa è la lettera inviata al Dr Tedros (direttore generale dell’Oms, ndr) dell’Organizzazione mondiale della sanità. Non ha bisogno di spiegazioni!». Datata 18 maggio, il giorno dell’assemblea, la missiva elenca in 4 pagine le accuse del tycoon sul «fallimento della risposta» dell’Oms al Covid-19 alla luce dell’apposito esame fatto dopo la sospensione temporanea dei contributi Usa annunciata il 14 aprile, da cui è emerso «un’allarmante carenza di indipendenza dalla Repubblica popolare cinese».

Il lungo elenco di contestazioni parte delle segnalazioni «di report credibili» sulla diffusione di un virus a Wuhan a inizio dicembre, incluso un articolo della rivista medica Lancet. Entro fine dicembre l’ufficio di Pechino dell’Oms era a conoscenza di un problema a Wuhan, e il 31 dicembre le autorità di Taiwan segnalarono la trasmissione dell’infezione da uomo a uomo. Poi, si cita Zhang Yongzhen, dello Shanghai Public Health Clinic Center, autore della sequenza del qenoma comunicata il 5 gennaio alle autorità e al pubblico in un post dell’11 gennaio, pagando il giorno successivo con la chiusura del suo laboratorio.

L’Oms ha ripetutamente, secondo Trump, dato giudizi «inaccurati e furovianti», spesso riprendendo le posizioni cinesi, tra la non trasmissione del virus da uomo a uomo, e le lodi sulla «trasparenza» del direttore generale alla Cina dopo l’incontro del 28 gennaio a Pechino con il presidente Xi Jinping, nonché una presunta telefonata del 21 gennaio di Xi col numero uno dell’Oms perché non dichiarasse l’emergenza epidemica.

In successione, il mancato accesso tempestivo di un team di esperti internazionali già a fine gennaio e la rivendicazione sull'inutilità della chiusura delle frontiere e della limitazione dei viaggi, come chiesto dalla Cina. La lettera, rimarcando altre presunte lacune gestionali, la richiesta di un’indagine indipendente e la gestione di successo della crisi della Sars da parte dell’allora direttore generale Harlem Brundtland, conclude che «è evidente che i ripetuti passi falsi» dell’Oms nella risposta alla pandemia «sono stati estremamente costosi per il mondo. L’unico via davanti all’Oms è se può attualmente dimostrare indipendenza dalla Cina. La mia amministrazione ha già iniziato le discussioni su come riformare l'Organizzazione». In caso contrario, in assenza di cambiamenti significativi, «non permetterò che i dollari dei contribuenti americani continuino a finanziare un’Organizzazione che, allo stato, non sta chiaramente servendo gli interessi dell’America». ANSA

© Riproduzione riservata

TAG: ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X