Venerdì, 29 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Attentato in Somalia, mezzi italiani sul luogo dell'attacco: "Militari illesi"
MOGADISCIO

Attentato in Somalia, mezzi italiani sul luogo dell'attacco: "Militari illesi"

Un ordigno esplosivo artigianale è esploso al passaggio di un convoglio di mezzi militari italiani a Mogadiscio. Lo riferiscono i media locali, precisando che il convoglio si trovava sulla strada Jaale-Siyaad e aveva appena lasciato la green zone per dirigersi verso il ministero della Difesa somalo.

Nessuna conseguenza al momento si registra per il personale italiano. Lo rende noto lo Stato Maggiore della Difesa. L'attentato, ricostruisce lo Stato maggiore della Difesa, è avvenuto nella tarda mattina quando due mezzi blindati Vtlm Lince, appartenenti ad un convoglio di 3 mezzi italiani, sono stati coinvolti in un'esplosione al rientro da un'attività addestrativa in favore delle Forze di sicurezza somale. Le cause dell'esplosione sono in corso di accertamento.
I militari italiani operano nell'ambito della missione europea in Somalia (Eutm), finalizzata al rafforzamento del Governo Federale di Transizione somalo, attraverso la consulenza militare a livello strategico alle istituzioni di difesa somale e l'addestramento militare. La missione militare dell'UE opera in stretta collaborazione e coordinamento con gli altri attori della comunità internazionale presenti nell'area d'operazione come le Nazioni Unite, l'African Union Mission in Somalia (Amisom) e gli Stati Uniti d'America.

La missione Eutm Somalia, cui appartengono i mezzi coinvolti oggi nell'attentato a Mogadiscio, è stata approvata dal Consiglio Europeo nel febbraio 2010 per contribuire all'addestramento delle Forze di sicurezza somale.
Lanciata il 10 aprile 2010, a causa dell'instabile situazione in Somalia la missione fu inizialmente schierata in Uganda, ma dal 2014 l'intera attività è condotta esclusivamente in territorio somalo. Dal 15 febbraio 2014 il comandante della missione è un italiano: attualmente (dall'8 agosto scorso) è il generale di brigata Antonello De Sio.
L'attuale contributo nazionale prevede un impiego massimo di 123 militari e 20 mezzi terrestri, impiegati in vari ambiti, da quello principale dell'addestramento delle Forze armate somale alla sicurezza dei movimenti e del contingente, dal supporto logistico e amministrativo a quello di staff del comandante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X