Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
A IBLID

Alessandro Sandrini liberato in Siria: era stato rapito nel 2016, la conferma di Conte

Alessandro Sandrini, rapito al confine tra Siria e Turchia nel 2016, è stato liberato dal "governo di salvezza", gruppo antigovernativo della zona di Idlib. Lo annunciano le stesse forze pubblicando le foto dell'italiano sui social e affermando che il bresciano era nelle mani di una banda criminale.

"Confermo, mio figlio è libero si trova ancora in Siria ma nelle mani dei nostri carabinieri". Lo ha detto Gianfranco Sandrini, il padre del ragazzo bresciano scomparso durante un viaggio in Turchia ormai tre anni fa. "Sono felicissimo" ha detto il genitore "è la fine di un incubo adesso sto andando a Roma, spero di potergli parlare al telefono stanotte".

"Il connazionale Alessandro Sandrini è stato liberato al termine di un'articolata attività condotta, in territorio estero, in maniera coordinata e sinergica dall'intelligence italiana, dalla polizia giudiziaria e dall'unità di crisi del MAE". Lo afferma il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in una nota.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X