Mercoledì, 30 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo La May chiede un nuovo rinvio della Brexit e apre a Corbyn
LA TRATTATIVA

La May chiede un nuovo rinvio della Brexit e apre a Corbyn

brexit, Theresa May, Sicilia, Mondo
Theresa May

Theresa May si arrende e apre le porte a una Brexit soft. La svolta arriva sull'orlo del baratro, con una Gran Bretagna a rischio caos e il sistema politico allo sbando, paralizzato da veti e bocciature incrociate. E arriva con un discorso al Paese nel quale la premier Tory annuncia la disponibilità, in extremis, a un compromesso faccia a faccia con il leader dell’opposizione laburista Jeremy Corbyn, nonché l'imminente richiesta di un’ulteriore slittamento dell’uscita dall’Ue: seppure limitato dal 12 aprile al 22 maggio per evitare di costringere il Regno al paradosso di dover partecipare alle prossime elezioni europee tre anni dopo il referendum 2016 pro Leave; e i 27 al timore di doverne subire le fibrillazioni.

Il parto è stato lungo e doloroso, suggellato da una riunione di governo maratona durata oltre sette ore. Ma alla fine la signora di Downing Street ha preso una decisione, anche a costo di intervenire con un taglio netto sulle divisioni interne alla sua compagine tra brexiteer pronti a sfidare la sorte di un no deal il 12 aprile e moderati decisi a impedirlo in ogni modo o quasi.

«Ho sempre creduto che avremmo potuto fare di un no deal un successo, a lungo termine», ha premesso May per dare un contentino ai primi. Non senza aggiungere subito dopo di ritenere che «uscire con un accordo» resti però «la migliore soluzione». Una strada che non passa più attraverso l’azzardo di ripresentare una quarta volta il testo dell’intesa da lei raggiunta con Bruxelles a novembre e bocciata tre volte a Westmister.

«Per rompere l’impasse - ha annunciato la premier rivolgendosi dagli schermi tv alla nazione al termine del consiglio dei ministri fiume - offro al leader dell’opposizione di sedersi con me per cercare di condividere un piano, al quale saremo entrambi vincolati, che ci assicuri di lasciare l’Unione Europea con un accordo». Un processo per il quale ci sarà "bisogno di un’ulteriore estensione dell’articolo 50 che sia la più breve possibile», ha proseguito, puntualizzando come occorra "essere chiari su ciò per cui l’estensione serve: assicurare un’uscita tempestiva e ordinata» dall’Unione.

«Questo dibattito, questa divisione, non possono trascinarci oltre», ha ammesso d’altronde la premier, appellandosi finalmente «all’unità nazionale per realizzare l’interesse nazionale». Corbyn, parlando subito dopo la May, si è detto «molto felice» di incontrarla, raccogliendo quindi la mano tesa. Ma il compromesso dovrà essere raggiunto in tempo utile per consentire
al Parlamento britannico di approvare una legge ad hoc «entro il 22 maggio, in modo che il Regno Unito non partecipi alle
elezioni europee», ha chiarito la premier, indicando su questo una scadenza netta. Sul contenuto del patto è rimasta invece
inevitabilmente sul vago, limitandosi per ora a evidenziare che l'intesa di divorzio già sottoscritta con Bruxelles andrà
accettata così com'è. E che il negoziato con il Labour si concentrerà sulla modifica della dichiarazione allegata sulle relazioni future con i 27. Ha inoltre aggiunto che, se «un approccio comune non dovesse essere trovato» nel confronto con
Corbyn, sia il governo sia la leadership dell’opposizione dovranno impegnarsi ad accettare l’indicazione preferenziale
destinata a emergere da una serie di nuovi voti sulle opzioni possibili da mettere in calendario ai Comuni «la settimana prossima» in caso di necessità.

L’indicazione sul più plausibile punto di caduta del dialogo May-Corbyn arriva del resto dal risultato dei voti indicativi già espressi ieri sera a Westminster. Segnati dalla bocciatura di tutte e quattro le soluzioni suggerite, ma con un chiaro vantaggio, anche in termini di incremento potenziale dei consensi fra i deputati Conservatori non oltranzisti, di quella che prevede una Brexit "annacquata" dalla permanenza britannica nell’unione doganale: idea ispirata a uno dei punti cruciali del piano B evocato da tempo dal leader laburista, ma promossa nell’ultima versione da un veterano Tory moderato, Ken Clarke.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X