Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
PAESE NEL CAOS

Crisi in Venezuela, Maduro blinda le frontiere per bloccare gli aiuti umanitari

Blindati per bloccare gli aiuti umanitari. A due giorni dalla data fissata dall’opposizione venezuelana per l’ingresso nel paese dell’assistenza umanitaria, il presidente Nicolas Maduro reagisce chiudendo le frontiere con la Colombia e le Antille Olandesi e inviando blindati su quella con il Brasile.

Da Santa Elena de Uairén, sulla frontiera con il Brasile, residenti locali hanno pubblicato sui social immagini dei blindati, per bloccare l’ingresso del''assistenza umanitaria da Pacaraima, la città brasiliana dall’altra parte del confine.

Il governo brasiliano ha annunciato che gli aiuti, principalmente cibo e medicine, sono stati concentrati a Boa Vista e Pacaraima, e sono state garantite le condizioni per permettere ai venezuelani di venirli a prendere.

«L'idea è che aspetteremo in quella regione l’arrivo di camion venezuelani, guidati da venezuelani, agli ordini del presidente incaricato, Juan Guaidò», ha detto il portavoce della presidenza, Otavio de Rego Barros.

D’altra parte, la vicepresidente venezuelana Delcy Rodriguez ha confermato la sospensione sine die dei collegamenti aerei e marittimi con tre isole delle Antille Olandesi, Curacao Aruba e Bonaire, dopo che Guaidò ha informato che un centro di distribuzione dell’assistenza umanitaria sarà appunto l’isola di Curacao. Ma lo scenario principale della sfida di sabato prossimo sarà Las Tienditas, il ponte fra Venezuela e Colombia - in buone condizioni, ma mai inaugurato - dove 24 ore prima si affronteranno le due parti in due concerti rivali: il «Venezuela Aid Live» di Richard Branson, sul versante colombiano, e il «Hands Off Venezuela» annunciato dal governo chavista su quello venezuelano, a circa 300 metri di distanza.

Maduro respinge l’assistenza internazionale perché nega l'esistenza di una crisi umanitaria in Venezuela, e sostiene che la richiesta di aiuti da parte di Guaidò -il presidente del Parlamento che ha assunto i poteri dell’Esecutivo- è in realtà uno «show mediatico» per giustificare un intervento militare statunitense.

Guaidò, non ha precisato come organizzerà le decine di migliaia di volontari che dice di aver raccolto per portare gli aiuti dall’altra parte della frontiera, e ha lanciato un nuovo appello alle Forze Armate, perché permettano l’ingresso dell’assistenza.

«Signori, avete tre giorni per passare dalla parte della Costituzione, eseguire le istruzioni del presidente incaricato della Repubblica e lasciare entrare gli aiuti», ha detto ieri il leader oppositore, aggiungendo che «coloro che si ribellano agli ordini, oggi giorno, sono quelli che stanno a Miraflores», sede dell’esecutivo a Caracas.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X