Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
EMIRATI ARABI

Il Papa ad Abu Dhabi: "Non beati i ricchi e i potenti, ma i poveri e i miti"

"Chiedo per voi la grazia di custodire la pace, l’unità, di prendervi cura gli uni degli altri, con quella bella fraternità per cui non ci sono cristiani di prima e di seconda classe". Lo ha detto papa Francesco nell’omelia della messa alla Zayed Sports City di Abu Dhabi, ultimo appuntamento della sua visita negli Emirati Arabi Uniti.

Parlando delle Beatitudini, il Papa ha detto che "in esse vediamo un capovolgimento del pensare comune, secondo cui sono beati i ricchi, i potenti, quanti hanno successo e sono acclamati dalle folle. Per Gesù, invece, beati sono i poveri, i miti, quanti restano giusti anche a costo di fare brutta figura, i perseguitati".

"Sono venuto anche a dirvi grazie per come vivete il Vangelo che abbiamo ascoltato", ha proseguito. "Siete un coro che comprende una varietà di nazioni, lingue e riti; una diversità che lo Spirito Santo ama e vuole sempre più armonizzare, per farne una sinfonia. Questa gioiosa polifonia della fede è una testimonianza che date a tutti e che edifica la Chiesa", ha sottolineato il Pontefice.

Il Papa si è quindi soffermato su due Beatitudini. La prima, "Beati i miti", secondo cui "non è beato chi aggredisce o sopraffà, ma chi mantiene il comportamento di Gesù che ci ha salvato: mite anche di fronte ai suoi accusatori". La seconda Beatitudine, "Beati gli operatori di pace", implica che "il cristiano promuove la pace, a cominciare dalla comunità in cui vive".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X