Mercoledì, 27 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo L'Iran verso il voto, Rohani favorito nei sondaggi
MEDIORIENTE

L'Iran verso il voto, Rohani favorito nei sondaggi

Iran, voto, Sicilia, Mondo
Hassan Rohani

TEHERAN. A un mese dall’apertura ufficiale della campagna elettorale per le presidenziali del 19 maggio in Iran, il confronto vero e proprio sembra essere partito soltanto oggi. Qualcuno la chiama «breve campagna dell’ultima settimana», secondo tradizione. Così gli scambi cominciano a delinearsi tra quelli che sono considerati i veri contendenti su sei candidati: il moderato riformista Hassan Rohani, presidente uscente, e il conservatore Ebrahim Raisi, custode del santuario dell’Imam Reza a Mashhad, ritenuto vicino alla Guida suprema, ayatollah Sayyed Ali Khamenei.

E mentre comincia il confronto, arrivano anche i primi sondaggi. Secondo quello diffuso oggi dall’Irna, i riformisti e moderati che fanno capo a Rohani sarebbero in vantaggio con il 41,8%. Meno di quanto raccolse Rohani nel 2013, quando fu eletto al primo turno con il 50,71% su oltre 36 milioni di votanti. Il consenso dichiarato per i conservatori, che fanno capo a Raisi, è invece del 23,3%. Il resto degli intervistati si è dichiarato ancora indeciso. In ogni caso, qualora non si superi la soglia del 50%, si tornerà alle urne per il ballottaggio il 26 maggio.
Il sondaggio, condotto in città capoluogo di 31 province iraniane, ha preso in esame anche l’astensionismo: il 67% degli aventi diritto andrà a votare (con un trend crescente del 3% rispetto alla scorsa settimana), mentre il 16,2% ha dichiarato di non aver ancora deciso se recarsi o meno alle urne.

Con queste premesse, dunque, il confronto è cominciato. Parlando ieri sera a una platea di sostenitori che affollava lo stadio Azadi di Teheran, Rohani ha affrontato la prima grande manifestazione elettorale di queste presidenziali, affermando che saranno una scelta tra «la pace e la tensione». Parole forti, che riportano alla mente tristi fatti non molto lontani nel tempo. Rohani ha parlato di «decisione storica» che dovrà essere presa dal popolo, «chiamato a scegliere se proseguire sulla via della pace o tornare indietro e scegliere la tensione». Il presidente ha quindi difeso la politica del suo governo, tesa all’apertura «costruttiva» nei confronti del resto del mondo. Per questo ha invitato il popolo iraniano a «fare in modo che «l'Iran non torni a essere isolato». Nello stadio gremito di sostenitori, spiccava la massiccia presenza di giovani, ritenuti dagli osservatori più inclini alla modernizzazione e, quindi, a dare fiducia a Rohani.

Ma dalla città di Shahrekord, capoluogo della regione di Chahar Mahaal-e Bakhtiari, è arrivato il contraccolpo di Raisi: "gli attuali governanti sentiranno presto il grido del popolo per la giustizia», ha detto, aggiungendo che bisogna «lasciare che la gente provi la giustizia sociale». Ma Raisi è tornato anche sul punto chiave di questa campagna elettorale, attaccando l'accordo sul nucleare. «E' stata la potente presenza sulla scena della gioventù a togliere l’ombra della guerra - ha affermato - e non un contratto che questi signori hanno firmato».

Intanto, sempre oggi, è ricomparso sulla scena l’ex presidente riformista Mohammad Khatami che, in un video diffuso su canali web e social, ha invitato a votare Rohani.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X