Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Cani macellati in strada in Cina, dall'Italia campagna di sensibilizzazione
FESTIVAL INIZIO ESTATE

Cani macellati in strada in Cina, dall'Italia campagna di sensibilizzazione

CAGLIARI. Fermare il mercato di cani e gatti a Yulin, in Cina, dove ogni anno il 21 giugno, durante il Festival di inizio estate, almeno 10mila animali vengono macellati in strada per essere consumati nei ristoranti, anche improvvisati.

Migliaia di quattro zampe trasportati nella città della Cina meridionale, al confine con il Vietnam, in pessime condizioni, ammassati dentro piccole gabbie, a bordo di camion, ma anche di auto e moto. E' l'obiettivo che si prefiggono i volontari di Action Poject Animal, l'associazione creata da Davide Acito, un giovane foundraiser che lavora in Svizzera e che oggi ha presentato, in anteprima nazionale a Cagliari, il suo progetto di viaggio per il 2017.

Dopo la trasferta in Cina dello scorso anno, quando da solo è riuscito a strappare alla morte 400 cani e 60 gatti con l'aiuto di un attivista cinese, Yang Xiaoyun, quest'anno Davide punta a comperarne almeno 500.

"La nostra azione a Yulin si svolge democraticamente - ha spiegato l'ideatore del progetto - blocchiamo i camion che arrivano dal sud, dai confini del Vietnam, per portare i cani e i gatti al festival destinati a morire tra le bancarelle. Parte una contrattazione per farci lasciare gli animali a un prezzo minore rispetto a quello che si può trovare al mercato, dove noi concludiamo l'operazione cercando di comprarne il più possibile".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X