Giovedì, 22 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Gendarme spara per errore al discorso di Hollande
TENSIONI IN FRANCIA

Gendarme spara per errore al discorso di Hollande

PARIGI. Studentesse al liceo, jihadiste nel tempo libero: sono state arrestate nella banlieue di Parigi tre ragazze sospettate di preparare un attentato. La tensione è sempre palpabile in Francia.

Ad un discorso di Hollande un tiratore scelto è inciampato e ha sparato per errore durante il discorso del capo dello Stato: due feriti leggeri il bilancio finale, ma la paura è stata tanta.

Le ragazze arrestate, di età fra i 15 e i 18 anni, fanno parte di un gruppo che si fa chiamare 'Le Leonessè e che sarebbe stato in contatto con il jihadista Rachid Kassim. Kassim, ucciso dall'attacco di un drone l'8 febbraio in Iraq, è stato il mandante di una quindicina di attentati o tentativi di attentato in Francia, tra i quali l'omicidio di padre Jacques Hamel nella chiesa di Saint-Etienne-des-Rouvrais. Le tre ragazze, tramite social network, sarebbero state in contatto con «persone coinvolte nel terrorismo», presenti tra l'altro in Iraq e Siria.

La prima ragazza arrestata, liceale di 18 anni, è stata fermata in banlieue di Parigi dagli uomini dei reparti speciali della Dgsi e del Raid, che la sorvegliavano dall'estate scorsa. L'inchiesta cercherà di stabilire se le ragazze, che presentano un profilo 'ad alto rischiò, intendevano raggiungere zone di guerre in Medio Oriente o se avevano l'intenzione di commettere un atto terroristico in Francia.

È stato invece un errore quello del gendarme che ha sparato mentre il presidente Hollande era impegnato in un discorso a Villognon, nel sud-ovest della Francia, per l'inaugurazione della linea ferroviaria ad alta velocità tra Tours e Bordeaux.

Secondo le prime ricostruzioni un tiratore scelto, che faceva parte del dispositivo di sorveglianza e protezione di Hollande, per cambiare posizione di tiro è inciampato e ha premuto per sbaglio il grilletto. I colpi partiti hanno ferito in modo leggero un operaio e un cameriere.

Il presidente, che si trovava nella sala accanto a quella dell'incidente, si è accorto dell'accaduto. Ascoltando il rumore dello sparo ha mormorato: «Spero che non sia nulla di grave», prima di aggiungere «non credo» e terminare così il suo discorso. Poi si è recato a visitare i feriti. È stata aperta un'inchiesta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X