Lunedì, 24 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Hope, il bimbo nigeriano che commosse il mondo adesso è sano
LA STORIA

Hope, il bimbo nigeriano che commosse il mondo adesso è sano

bimbo nigeriano, bimbo stregone, hope, Sicilia, Mondo
Hope, il bimbo nigeriano salvato da una volontaria (Fonte Corriere.it)

ROMA. Un anno fa Hope, il bambino nigeriano di due anni emaciato, malato e disperatamente solo, abbandonato dalla sua famiglia e cacciato dalla sua comunità del sud della Nigeria perchè considerato uno «stregone», commosse il mondo grazie a una foto che fece il giro globale dei media, oggi è un bambino in salute, dall'aria decisamente più felice.

Per sottolineare come in un solo anno il bambino abbia ritrovato una nuova vita, la volontaria danese che allora lo salvò e lo adottò, Anja Ringgren Loven, si è fatta fotografare nella stessa posa di quel gennaio 2016, mentre offre da bere da una bottiglia di plastica a Hope, con un pacco di biscotti nell'altra: scheletrito, nudo, sporco, pieno di parassiti allora; con le guanciotte piene, vestito con camicetta a quadretti, pantaloncini rossi, scarpe da ginnastica, zainetto in spalle e l'aria serena oggi.

«È da una settimana che ha iniziato ad andare a scuola», ha dichiarato la Loven, che insieme al marito, David Emmanuel Umem, gestisce un piccolo orfanotrofio nel sud-est della Nigeria, specializzato nell'accoglienza di bambini e ragazzi ostracizzati da villaggi e famiglie come conseguenza di superstizioni, chiamato African Children's Aid Education and Development Foundation (Acaedf).

Hope ('Speranza" in inglese) - così è stato ribattezzato da Anja e David Emmanuel - era considerato un bimbo-stregone (Ndoki), forse perchè soffre di ipospadia, una malformazione congenita dell'uretra e del pene. Aveva girovagato da solo, disperato, per almeno otto mesi nutrendosi di quello che trovava per strada

. E grazie a quella esemplare foto - seguita da altre in cui il bimbo era avvolto in una coperta e veniva lavato con un bagnetto -, Loven è stata scelta dalla rivista tedesca Oooom nel numero del dicembre scorso come la persona che più 'motivante" del 2016.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X