Venerdì, 30 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Da gennaio l'Italia nel Consiglio di sicurezza Onu: diviso seggio con l'Olanda
PER UN ANNO

Da gennaio l'Italia nel Consiglio di sicurezza Onu: diviso seggio con l'Olanda

 NEW YORK. Dopo un lungo braccio di ferro nell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, l'Italia e Olanda raggiungono un compromesso: i due Paesi propongono di dividersi un anno per uno il seggio come membro non permanente in Consiglio di Sicurezza Onu per il biennio 2017-2018.

Mentre la Svezia è passata al primo turno per l'altro seggio assegnato quest'anno all'Europa Occidentale, l'accordo politico tra i due Paesi è stato raggiunto dopo cinque fumate nere, e ad annunciarlo sono stati i ministri degli esteri olandese e italiano Bert Koenders e Paolo Gentiloni.

I due si sono riuniti con le rispettive delegazioni nell'ufficio del presidente dell'Assemblea Generale, Mogens Lykketoft, e hanno messo a punto la proposta: l'Italia siederà per prima nell'organo Onu, a partire dal prossimo primo gennaio e collaborerà con l'Olanda l'anno successivo.

«Con questa proposta vogliamo inviare un messaggio di unità di due Nazioni europee, e abbiamo preso spunto da questa parita» perfetta, 95 a 95, nell'ultimo voto«, ha detto il titolare della Farnesina. »Ognuno aveva aspettative diverse, ma alla fine è una buona conclusione«, ha precisato. »L'Assemblea Generale ha inviato un chiaro segnale, ossia che approva allo stesso modo Italia e Olanda«, ha affermato da parte sua il ministro degli esteri olandese Koenders. Una nuova riunione dell'Assemblea generale è in programma per domani alle 10 locali (le 16 a Roma) per formalizzare la proposta di Italia e Olanda.

Il seggio in Consiglio di Sicurezza diviso tra due paesi è un evento rarissimo, ed è successo la prima volta nel 1955 con Yugoslavia e Filippine e pochissime altre volte. Il risultato per Roma è comunque al di sotto delle aspettative della vigilia. Da più parti l'Italia era data infatti come favorita, soprattutto in ragione della sua posizione geografica nel cuore del Mediterraneo, e dunque per il suo ruolo soprattutto nella crisi dei migranti e nella crisi libica.

Gli altri membri eletti per il biennio 2017-2018 sono la Bolivia, passata con 183 voti per l'America Latina e Caraibi, l'Etiopia con 185 per l'Africa, e il Kazakistan, eletto con 138 voti per l'area Asia-Pacifico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X