Giovedì, 29 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Alta tensione a San Diego, scontri e violenze durante comizio di Trump
STATI UNITI

Alta tensione a San Diego, scontri e violenze durante comizio di Trump

NEW YORK. Alta tensione a San Diego durante un comizio di Donald Trump. La polizia in assetto anti sommossa è stata costretta a intervenire con spray al peperoncino e con diversi arresti. La polizia ha dichiarato il divieto di riunirsi e ordinato ai manifestanti di disperdersi.

Il candidato repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump incoraggia Marco Rubio a correre per la rielezione come senatore della Florida. Lo ha scritto il tycoon in un messaggio Twitter. Dopo essersi ritirato dalle primarie del Grand Old Party (Gop), Rubio ha detto che non si sarebbe candidato per un nuovo mandato in Congresso, e anche ieri, dopo le affermazioni del tycoon, ha precisato che «nulla è cambiato» ed è «improbabile» che rimanga a Washington.

Il giovane senatore è stato sino ad ora riluttante a dare il suo sostegno a Trump, ma secondo le anticipazioni di un'intervista con Cnn che andrà in onda domenica, è disposto a lasciare che i suoi delegati votino per il re del mattone alla Convention di Cleveland. «Voglio essere utile, non dannoso - ha detto - perchè non voglio che Hillary Clinton diventi presidente».

Donald Trump non terrà alcun dibattito con Bernie Sanders. In un comunicato Trump annuncia il prossimo dibattito lo avrà con chi conquisterà la nomination fra i democratici, «probabilmente Hillary Clinton o chiunque altro».

«Sarebbe inappropriato avere un dibattito con chi finisce al secondo posto. Per quanto mi piacerebbe confrontarmi con Sanders, attenderò di conoscere chi sarà il candidato» democratico.  Martin Shkreli, il giovane alla guida di Turing Pharmaceutical, salito alle cronache per l'aumento del 5.000% di un farmaco salvavita, si schiera con Donald Trump. Il manager di Big Pharma, arrestato per frode, esprime il suo appoggio al tycoon su Twitter.

«Non ho ancora chiamato la campagna di Trump. Lo sostengo. Dovrebbe trovare un vice che ha esperienza in politica». Nei mesi scorsi l'aumento del prezzo del farmaco salvavita a 750 dollari da 13,50 dollari aveva sollevato critiche, e Shkreli era finito nel mirino. Hillary Clinton l'ha definito «vergognoso», assicurando che da presidente mettere in atto un sistema di controllo dei prezzi dei farmaci. Alle critiche Shkreli aveva risposto con calma. L'aumento - ha detto - serve per finanziare la ricerca in altri farmaci. La serie di interviste a cui si era sottoposto per difendersi, si era chiusa con una battuta: nel riguardarsi all'azione aveva concluso di aver bisogno di un taglio di capelli.

Entrato nell'industria finanziaria a 17 anni, Shkreli è stato cacciato da Retrophion, società che aveva fondato, dopo diverse gaffe e sulla scia dei timori che fosse immaturo per guidare una società quotata. Il giorno prima della pubblicazione dei risultati trimestrali di Retrophin, aveva twittato: «Questo è il giorno migliore della mia vita», con riferimento a quelli che si sono rivelati ricavi più alti delle attese. Il giorno in cui è stato cacciato su Twitter aveva scritto: «Abbastanza stufo del consiglio di amministrazione concentrato su un'indiscrezione irrilevante, ma posso concentrami su una nuova societa». Shkreli ha fondato Turing.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X