Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Il sud degli Usa travolto dai tornado: 26 le vittime, allarme in Texas
MALTEMPO

Il sud degli Usa travolto dai tornado: 26 le vittime, allarme in Texas

NEW YORK.  Sono salite a 26 le vittime della scia di tempeste e tornado che in quest'ultima settimana hanno colpito il sud degli Stati Uniti. È il Texas lo stato che ha pagato lo scotto più alto con 8 morti. Lo riporta la Bbc. Vicino Dallas, a Garland, 5 persone che si trovavano nelle loro auto sono state letteralmente spazzate via dall'autostrada.

Case scoperchiate, alberi divelti, linee elettriche interrotte e strade impraticabili di Stati come Texas e Oklahoma sono tra i principali ostacoli che la popolazione si trova ad affrontare in queste ore. A Dallas le vittime sono almeno sei e 48.000 persone sono senza elettricità. L'aeroporto della città è chiuso per i voli in arrivo per il maltempo.

Un Natale difficile dunque nel sud e nel Midwest dove i tornado e le forti piogge hanno creato problemi facendo almeno 24 morti. Mississippi, Tennessee e Arkansas gli Stati più colpiti con centinaia di case danneggiate.

Non sono state meno violente le piogge torrenziali che si sono abbattute in questi giorni su Paraguay, Argentina, Uruguay e Brasile dove oltre 150.000 persone sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni. Il presidente del Paraguay, Horacio Cartes, ha dichiarato lo stato di emergenza e ha stanziato fondi per 3,5 milioni di dollari. Solo oggi ci sono state quattro vittime, tutte uccise da alberi divelti dalla furia dell'acqua. Il fiume Paraguay che attraversa la capitale Assuncion è a solo 30 km dal rischio reale di tracimare. Anche in Argentina si registrano due vittime e nel nord sono state 20.000 le persone evacuate dalle loro case. Stessa situazione nel Brasile meridionale, nello stato Rio Grande do Sul, dove 1.800 famiglie sono rimaste senza casa.

Anche nel vecchio continente le alluvioni hanno lasciato il segno. In Cumbria, la regione dell'Inghilterra del nord colpita per la terza volta in un mese da forti piogge e inondazioni, il governo ha deciso di inviare l'esercito dopo un vertice straordinario del comitato per le emergenze Cobra il giorno di Natale. Intanto, l'agenzia britannica per l'ambiente ha emanato ben 15 allerta 'gravi' per tutto il nord e il nord est mettendo in guardia sul rischio che nelle prossime ora possano cadere fino a 120 millimetri di pioggia (la media a dicembre, è di 145). Emergenza anche in Galles, Yorkshire occidentale - dove è esondato il fiume Calder - Lancashire e Scozia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X