Domenica, 17 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Russia, una parata contro il nazismo: ma l'Occidente non partecipa
PER CRISI IN UCRAINA

Russia, una parata contro il nazismo: ma l'Occidente non partecipa

MOSCA. E' iniziata sulla piazza Rossa la colossale parata militare per il 70esimo anniversario della vittoria sovietica sul nazismo. Sotto un cielo sereno, leggermente velato da qualche nuvola, sfilano 15mila soldati russi, 1.300 militari stranieri, circa 200 mezzi corazzati e 143 tra aerei ed elicotteri, in quella che è stata annunciata come la più imponente parata della Russia contemporanea. La maggior parte dei leader occidentali ha declinato l'invito del Cremlino a causa della crisi ucraina.

Per la prima volta in una parata a Mosca per celebrare la vittoria sovietica sul nazismo è stato osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime della seconda guerra mondiale. A chiederlo a metà del suo breve discorso, come previsto, è stato il presidente russo Vladimir Putin. Un secondo minuto di silenzio sarà osservato alle 18.55 ora di Mosca, quando tutte le tv federali trasmetteranno il programma speciale "In memoria di coloro che sono morti per combattere il nazismo". Inoltre, a mezzogiorno, per la prima volta, tutte le campane delle chiese ortodosse suoneranno per 15 minuti in memoria delle vittime.

Meno della metà dei 68 leader mondiali invitati siede in tribuna (per il 60/mo erano invece presenti 53 tra capi di Stato e di governo). Tra i presenti spicca Xi Jinping, presidente della Cina con cui Mosca ha stretto una partnership strategica a tutto campo. Oltre a lui, i presidenti di India, Sudafrica e Cuba. E il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-Moon.

La parata militare di oggi è per la Russia anche un'occasione per sfoggiare la propria potenza bellica in quella che è una vera e propria vetrina dei più moderni moderni mezzi militari russi: il pezzo forte della sfilata è il carro armato T-14 Armata, nuova punta di diamante dell'esercito russo, ma sono presenti anche numerosi altri nuovi mezzi corazzati e complessi missilistici. I ministri degli Esteri di Italia e Francia, Paolo Gentiloni e Laurent Fabius, non presenziano alla parata, ma parteciperanno alla cerimonia di deposizione dei fiori alla Tomba del Milite Ignoto, nei Giardini Aleksandrovskij, e al successivo ricevimento al Cremlino con i capi delle delegazioni e il corpo diplomatico. Domani sarà invece la cancelliera tedesca Angela Merkel a deporre una corona di fiori al milite ignoto prima di essere ricevuta da Putin.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X