Sabato, 29 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo L'Iran chiude al trasferimento dell'uranio
NUCLEARE

L'Iran chiude al trasferimento dell'uranio

Stretta finale per l'accordo sul nucleare iraniano a due giorni dalla scadenza del 31 marzo

TEL AVIV. Alla vigilia della scadenza del termine per un accordo sul nucleare, funzionari iraniani mettono in dubbio il successo delle trattative rimettendo in discussione uno degli elementi critici dell'accordo: la disponibilità di Teheran al trasferimento in Russia del proprio combustibile nucleare. Lo riporta il New York Times. "L'esportazione di scorte di uranio arricchito non è nel nostro programma e non intendiamo inviarle all'estero", ha dichiarato Abbas Araghchi ai media iraniani.

Stretta finale per l'accordo sul nucleare iraniano a due giorni dalla scadenza del 31 marzo. L'intesa tra le potenze occidentali e Teheran ancora non sarebbe stata raggiunta, ma in queste ore si sta trattando freneticamente. E ad indicare che si è ad un punto decisivo non sono solo le indiscrezioni di stampa che parlano di un accordo vicino, ma anche il fatto che il segretario di Stato americano John Kerry ha annullato il suo rientro negli Usa per restare a Losanna a trattare. Così come restano i ministri degli Esteri iraniano, tedesco, francese e l'alto rappresentante Ue Federica Mogherini. Di fronte alle voci che rimbalzano dalla Svizzera, il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha ribadito oggi da Gerusalemme - all'inizio della consueta riunione domenicale del governo - il netto rifiuto di Israele nei confronti di una possibile intesa.

L'accordo con l'Iran, ha detto, va oltre le peggiori "paure di Israele". "L'asse Iran-Losanna-Yemen - ha aggiunto Netanyahu - è pericoloso per l'umanità e va fermato". Numerose fonti a Losanna oggi hanno riferito della volontà delle parti di esplorare i possibili compromessi per arrivare all'accordo, pur ammonendo dal considerare già fatta l'intesa a causa della presenza di alcuni punti morti. Il dipartimento di Stato Usa, motivando la decisione di Kerry di rinviare il suo rientro in patria per partecipare ad un evento dedicato alla memoria del senatore Edward Kennedy, ha invocato lo stato "dei negoziati in corso in Svizzera". Dando così - secondo alcuni commentatori - la possibile dimensione dello stato dei lavori a cui si è giunti nella città svizzera. Questo non vuol dire, come hanno precisato ad Haaretz fonti Usa, che non ci siano ancora differenze e distanze con l'Iran su alcuni temi particolari. Le distanze riguarderebbero la durata dell'accordo tra i '5+1' e l'Iran (tra gli 11 e i 15 anni, vogliono le potenze mondiali, mentre Teheran punterebbe ad una durata minore); le ricerche e lo sviluppo delle centrifughe iraniane e infine la rimozione delle sanzioni (ovvero se debba essere immediata o graduale). Anche un alto negoziatore iraniano - citato dalla Press Tv - ha negato notizie stampa sulla possibilità che Teheran abbia accettato nuove restrizioni nel suo programma di arricchimento dell'uranio.

La stessa fonte ha spiegato che le notizie contengono "punti inaccurati, compresa la spedizione di uranio dall'Iran alla Russia". Netanyahu si è tuttavia scagliato a testa bassa contro l'accordo, che anche secondo la tv israeliana Canale 2 sarebbe ad un passo. Ed ha espresso "la profonda preoccupazione di Israele" per la possibile intesa di Losanna. Mentre in Svizzera si discute, ha spiegato, "gli emissari dell'Iran nello Yemen cercano di conquistare parti estese del Paese nel tentativo di assumere il controllo degli Stretti di Bab el Mandab. Cosa che - ha concluso - cambierà gli equilibri nella navigazioni e nelle forniture di petrolio". Lo stesso ministro della Difesa Moshe Yaalon ha definito "pessimo l'accodo", aggiungendo che l'Iran sta avendo "successo nel farsi beffe del mondo". Un Iran sulla soglia del nucleare, ha ammonito, potrebbe essere "una tragedia non solo per i regimi moderati del Medio Oriente ma anche per l'intero occidente". Ed anche la stampa israeliana, sia quella filo governativa sia quella contraria, come Yediot Ahronot, ha parlato dell'intesa come "pura follia". Ed ha aggiunto che le forze armate di Israele e i suoi servizi segreti hanno già avuto ordine di organizzarsi per far fronte alla nuova situazione "e per poter neutralizzare quella minaccia in qualsiasi momento".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X