Giovedì, 28 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Cyber attacco al comando Usa e sul portale spuntano messaggi dell'Isis
PENTAGONO

Cyber attacco al comando Usa e sul portale spuntano messaggi dell'Isis

Gli hacker si sono infiltrati sull'account, alterandolo. Poi dagli Stati Uniti la comunicazione di averlo di nuovo attivato

"Siamo tornati". Con questo tweet, il comando centrale Usa ha comunicato di aver riattivato il proprio account @CENTCOM dopo che alcuni hacker si sono infiltrati e lo hanno alterato. "Il Centcom ha temporaneamente sospeso il suo account dopo un atto di cyber vandalismo", e' il tweet del Centcom. Simpatizzanti non meglio specificati dell'Isis si erano inseriti mettendo il nome 'Cybercaliphate', su una foto di un militante jihadista con la kefia bianca e nera che gli nasconde il volto e la scritta "I love you Isis".

L'incidente ha creato non poco imbarazzo al Pentagono anche perchè gli hacker hanno alterato anche il profilo YouTube del Centcom con l'inserimento di due video di propaganda pro-Isis. Il comando centrale Usa, che coordina le operazioni militari della coalizione in Medio Oriente, ha poi precisato in un comunicato che nonostante l'attacco, "i network operativi militari non sono stati compromessi e non c'è alcun impatto operativo per il Centcom".

L'IMBARAZZO DEL PENTAGONO"Soldati americani, stiamo arrivando, guardatevi le spalle", firmato, Isis. E poi, "l'Isis è già qui, siamo nei vostri pc, in ogni base militare". E ancora: "in nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso, il Cyber-califfato continua la sua CyberJihad": si tratta di propaganda pura, diffusa in mattinata, però attraverso un account Twitter decisamente insolito, quello ufficiale del Centcom, il Comando Centrale Usa che coordina le operazioni militari della coalizione in Medio Oriente. Un colpo mediatico non da poco a cui il Centcom, con imbarazzo palpabile, ha risposto con un comunicato in cui riconosce che il suo account Twitter "è stato compromesso", ovvero è stato violato da non meglio precisati hacker.

In seguito all'attacco il profilo è stato sospeso. Al posto della scritta Centcom era apparso il nome 'Cybercaliphate', su una foto di un militante jihadista con la kefia bianca e nera che gli nasconde il volto e la scritta "I love you Isis". E sono stati twittati anche presunti piani militari Usa in Cina e Corea del Nord, definiti "scenari", con tanto di cartine, accompagnate dalla scritta: "Network del Pentagono hackerato". Ma non basta. Anche il profilo YouTube del Centcom è stato 'hackerato', con l'inserimento di due video di propaganda pro-Isis, e pertanto a sua volta è stato sospeso.

Il tutto mentre il presidente Barack Obama si prepara ad annunciare piani per il rafforzamento della cyber-sicurezza Usa, sulla scia dell'attacco informatico subito dalla Sony Pictures il mese scorso da parte di hacker, che a detta dell'Fbi hanno agito per conto della Corea del Nord. Ma l'attacco al Centcom è diverso. Si tratta di un obiettivo militare, e il 'nemico' e ben visibile e Dichiarato. Fonti della Difesa citate in forma anonima dai media Usa hanno ammesso che si tratta di un attacco che è chiaramente fonte di imbarazzo, ma hanno sostenuto che al momento non risulta che documenti sensibili siano stati sottratti, o che ci sia una minaccia specifica.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X