Mercoledì, 28 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Australia, abusi su minori nei campi di detenzione profughi
INCHIESTA

Australia, abusi su minori nei campi di detenzione profughi

SYDNEY. Numerosi pediatri in Australia avvertono che sarà "inevitabile" una commissione nazionale d'inchiesta sugli abusi fisici e sessuali, in particolare ai danni di minori, nei centri di detenzione stabiliti dall'Australia nelle isole del Pacifico (Christmas, Manus e Nauru).

Secondo una ricerca pubblicata sul Medical Journal of Australia, l'80% dei pediatri consultati ritiene inoltre che costituisca abuso la detenzione di minori in centri remoti e a tempo indefinito, durante l'esame delle domande di asilo. Secondo il dott. David Isaacs, coautore della ricerca, la detenzione obbligatoria di minori è "traumatizzante" e "ripugnante". "Presto gli australiani si chiederanno: come abbiamo potuto fare tutto questo e dei bambini? Non ci sarà da sorprendersi se sarà costituita una commissione d'inchiesta su tutto questo".

Documenti del Dipartimento Immigrazione mostrano che fra gennaio 2013 e marzo 2014 vi sono stati 33 casi di presunte aggressioni sessuali a minori in centri di detenzione in Australia e nel territorio australiano di Christmas Island nell'Oceano Indiano. Le cifre non si estendono ai centri di Manus in Papua Nuova Guinea e nel minuscolo stato-isola di Nauru.

La pubblicazione della ricerca segue di pochi giorni l'avvio di un'indagine del Dipartimento Immigrazione su denunce di abusi sessuali a Nauru, fra cui minorenni costretti a compiere atti sessuali davanti alle guardie, donne a cui si chiede di mostrarsi nude se vogliono prolungare una doccia oltre i due minuti, e una donna minacciata di stupro, se otterrà asilo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X