Giovedì, 19 Settembre 2019

Immigrazione, dal governo tunisino nuove misure contro gli sbarchi

L’obiettivo è contrastare il fenomeno dell’emigrazione clandestina verso le coste italiane. Creata una unità di crisi dopo il naufragio dei giorni scorsi al largo di Lampedusa
Sicilia, Mondo

TUNISI. Il governo tunisino sta predisponendo una serie di misure mirate a contrastare il fenomeno dell'emigrazione clandestina verso le coste italiane. Lo ha detto, intervenendo al telegiornale della rete Watania1, il ministro degli Esteri, Rafik Abdessalem, che ha anche reso nota l'istituzione di una unità di crisi per seguire la vicenda delle decine di tunisini che sarebbero annegati nel naufragio di qualche giorno fa a largo di Lampedusa.    
Contestualmente, Abdessalem ha dato disposizioni affinché alcuni dei diplomatici tunisini con sede in Italia - cui si aggiungerà uno dei segretari di Stato delegati all'emigrazione – si rechino sui luoghi del disastro per seguire l'evoluzione delle ricerche. Tra le misure annunciate, il rafforzamento del dispositivo di controllo lungo le coste da dove, tradizionalmente, partono i natanti diretti in Italia e una rete di punti informativi destinati ai tunisini al fine di metterli a conoscenza "degli elementi indispensabili per una vita decente".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X