Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Palermo, la foto di Sakineh sulla facciata dello Steri

Palermo, la foto di Sakineh sulla facciata dello Steri

Il palazzo sede del Rettorato ospita la gigantografia della donna di 43 anni condannata a morte in Iran e per la cui salvezza è scattata una mobilitazione internazionale
Sicilia, Mondo

PALERMO. Sulla facciata dello Steri, il palazzo sede del Rettorato a Palermo, da oggi c'é la gigantografia di Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna di 43 anni condannata a morte in Iran e per la cui salvezza è scattata una mobilitazione internazionale. Un'iniziativa che l'Ateneo di Palermo ha rilanciato facendo sventolare sul prospetto del suo palazzo il manifesto con la scritta: "L'Università di Palermo per Sakineh".
"Contiamo di vedere moltiplicarsi questi manifesti per le nostre strade - dice il rettore Roberto Lagalla - e di innescare un'emulazione virtuosa su una vicenda che solo apparentemente ci é lontana ma che coinvolge profondamente valori che riteniamo universali: i diritti umani, la parità tra i sessi, un processo giusto, la libertà di espressione".
"L'Università è per sua natura palestra di confronto critico, luogo di incontro e di sintesi di diverse sensibilità e culture, - aggiunge - e l'Ateneo di Palermo è motore di numerose iniziative nel campo del dialogo e della cooperazione internazionale".
Il volto di Sakineh è affisso proprio su quel palazzo che per due secoli, dai primi del Seicento alla fine del Settecento, fu sede del Tribunale della Santa Inquisizione e divenne quindi simbolo dell'oppressione, dell'oscurantismo, dell'ingiustizia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X