Venerdì, 12 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Troppa burocrazia alla Regione, il Cedifop sospende la formazione dei sommozzatori
LAVORO

Troppa burocrazia alla Regione, il Cedifop sospende la formazione dei sommozzatori

Il Cedifop di Palermo, ente che opera senza contributi pubblici accreditato e specializzato nella formazione di sommozzatori, è costretto a sospendere la propria attività per i ritardi della burocrazia regionale che ostacola lo svolgimento degli esami finali di un corso.

Dipendenti fermi senza stipendio e allievi – la maggior parte provenienti anche fuori dalla Sicilia - bloccati senza la possibilità di cogliere opportunità lavorative che in questo settore non mancano di certo.

Nonostante da oltre un mese sia pervenuto il nulla osta inviato da un altro ufficio della stessa Regione (CPI di Palermo), il Dipartimento regionale della formazione non ha ancora proceduto a nominare il presidente della commissione per lo svolgimento degli esami finali del corso di «Operatore tecnico subacqueo» (OTS). Un adempimento dovuto ed un procedimento assolutamente di routine che richiederebbe pochi minuti e senza alcun onere da parte dell’istituzione regionale proprio perché anche il gettone esami, riservato al funzionario regionale, è a carico dell’ente.

Le conseguenze, per un ente che vive delle rette pagate dagli allievi, sono facili da intuire: ferme le retribuzioni al personale ed impossibile far partire il successivo corso di sommozzatore inshore (che abilita a lavorare fuori dai porti fino a 30 metri di profondità), visto che lo stesso assessorato impone che gli iscritti abbiano preventivamente conseguito la qualifica di OTS dopo aver svolto gli esami finali.
Per gli allievi stessi, in gran parte provenienti da altre regioni o addirittura dall'estero, suona come una «beffa», visto che sono costretti ad attendere a Palermo (sostenendo i relativi costi di vitto ed alloggio) i tempi della burocrazia regionale, senza poter nel frattempo accettare le occasioni di lavoro o proseguire la propria specializzazione.

«Nei giorni scorsi- spiega l’assessore regionale alla Formazione professionale, Alessandro Aricò - ho provveduto a nominare tutti i presidenti delle commissioni esaminatrici dei corsi di formazione professionale già conclusi da parte degli enti autofinanziati accreditati dalla Regione, azzerando virtualmente l’arretrato che si era accumulato durante gli ultimi mesi». «Sono 56 i presidenti di commissione nominati che, – continua - adesso provvederanno in tempi rapidi ad esaminare gli studenti che avevano completato le ore relative ai corsi di formazione espletati».

«Ironia della sorte - precisa l'assessore della giunta Musumeci - proprio stamattina sono state recapitate dal dipartimento alla Formazione Professionale le notifiche ad ognuno degli enti autofinanziati che avevano richiesto la commissione esaminatrice, anche quella del Cedifop che aveva sollecitato la commissione per il corso di formazione per sommozzatori proprio qualche giorno addietro e che il dipartimento aveva prontamente preso in carico».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X