Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Semi e colture antiche, Mama.Seeds riscopre un patrimonio di biodiversità
AGROALIMENTARE

Semi e colture antiche, Mama.Seeds riscopre un patrimonio di biodiversità

di
Sicilia, Economia
Alessia Montani

Continua il viaggio di Mama.Seeds, la Start Up innovativa, tra le antiche sementi, colture e culture italiane e del Mediterraneo. Un patrimonio di biodiversità ancora da valorizzare. A Roma, all’evento multidisciplinare organizzato con Avasim, il consorzio internazionale che aggrega tutti gli attori delle filiere agro-alimentari, si confrontano istituzioni, esperti della ricerca, intellettuali, ma anche artisti e designer di moda che vogliono capire quale futuro avranno gli antichi semi autoctoni per la qualifica del Made in Italy.

Un’occasione di scambio «per riaffermare che l’arte, il design e la moda, eccellenze nel mondo, hanno un legame profondo con le antiche colture dei semi», sottolinea la fondatrice di Mama.Seeds, Alessia Montani, che invita tutti a riflettere su un settore di grande importanza per il Paese. Partendo da un dato: il 25% della biodiversità agraria presente in Europa, è costituita dall’agrobiodiversità di una sola regione italiana, la Sicilia, che si riscopre coraggiosa e rivoluzionaria a Noto, capitale del barocco, dove è stato realizzato il «Parco dell’Anima», una vera e propria oasi della biodiversità. Si tratta di un museo all’aperto, luogo per la bellezza e la salute dell’uomo, dove gli antichi grani si intrecciano con l’arte contemporanea.

L’obiettivo è chiaro: recuperare un patrimonio abbandonato creando una filiera di antichi semi italiani. E allora, idee e progetti nuovi attraversano il format innovativo di Roma. Intervengono alcuni imprenditori definiti «eroici» che raccontano la storia dei loro prodotti tramandati: dalle pregiate olive di Manfredonia al ginepro dell’Etna, dal miele di Carrubo di Modica alle birre artigianali realizzate in Puglia con grani antichi e segale iurmana. Da non trascurare che a tutela della biodiversità ci sono loro, i contadini «custodi» delle colture autoctone dei territori, così come accade in Sicilia centro del Mediterraneo. Tra gli ospiti spicca il Comune di Armerina, che ha presentato il Palio dei Normanni, la più imponente rievocazione storica del Sud, che si svolge in agosto nel cuore della Sicilia. Ma nel salotto Mama.Seeds le incursioni sono tante , il segnale più importante arriva dalla stessa Alessia Montani, che rilancia l’idea di una proposta di legge, avviata dal consorzio Avasim, «che possa permettere finalmente l’ingresso di semi antichi all’interno del patrimonio culturale». La tutela legislativa mette tutti d’accordo, la grande rivoluzione riparte dalla terra.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X