Mercoledì, 06 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Reddito di cittadinanza: pagamento di marzo più ricco, ma non per tutti. Le date della ricarica
INPS

Reddito di cittadinanza: pagamento di marzo più ricco, ma non per tutti. Le date della ricarica

Anche a marzo è previsto il pagamento del Reddito di Cittadinanza e della Pensione di Cittadinanza e sono due le date da tenere d'occhio, a seconda se si tratti di vecchi percettori o nuovi.

Reddito di cittadinanza, le date

Le date in cui viene pagato il reddito di cittadinanza al solito sono intorno alla metà del mese. A marzo 2022 verrà erogato dal 17, per coloro che hanno fatto domanda per la prima volta o che hanno richiesto nel mese di gennaio il rinnovo allo scadere delle prime 18 mensilità del sussidio; entro la fine del mese, a partire dal 24, per coloro che ricevono il reddito di cittadinanza da almeno due mesi.

Reddito di cittadinanza, da marzo novità

A partire dal mese di marzo, come è noto l’Inps inizia i pagamenti dell’assegno unico universale per i figli. Per i percettori del sussidio non occorre la presentazione della richiesta di ammissione al beneficio economico. Alla ricarica del Reddito di cittadinanza regolare dovrebbe unirsi sia il pagamento dell’assegno unico temporaneo (riferito al mese di febbraio) che quello universale (primo pagamento del mese di marzo). L'assegno unico universale viene assegnato dall'Inps a favore di ogni singolo figlio fino al compimento di oltre la maggiore età.

Reddito di cittadinanza, come richiederlo

Per chiedere il reddito di cittadinanza occorre alla specifica sezione del sito Inps con Pin dispositivo, Spid, Cie o Cns. In alternativa,si può richiedere sul sito del Ministero del Lavoro www.redditodicittadinanza.gov.it oppure presso l’ufficio postale dopo il 6 di ogni mese o ancora tramite Caf o Patronato.

Entro quando va spesa la mensilità del reddito di cittadinanza

La somma mensile del Reddito di Cittadinanza va spesa entro la fine del mese solare successivo a quello in cui è avvenuto l’accredito (ad esempio: accredito avvenuto a giugno, la somma va spesa entro il 31 luglio). Eventuali arretrati non sono soggetti a tale scadenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X