Martedì, 07 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Bonus sanificazione, dai disinfettanti ai tamponi: quando presentare la domanda
CORONAVIRUS

Bonus sanificazione, dai disinfettanti ai tamponi: quando presentare la domanda

Dal 4 ottobre è possibile accedere al tax credit per la sanificazione. Si tratta di una norma introdotta per favorire l’adozione di misure dirette a contenere e contrastare la diffusione del Covid-19 e si spera in una sua proroga per i mesi futuri. Il bonus può essere richiesto fino al prossimo 4 novembre.

Quali misure rientrano nel tax credit

Si può accedere ad un credito d’imposta pari al 30% per tutte le spese effettuate durante i mesi estivi, ovvero giugno, luglio ed agosto per i seguenti lavori: sanificare gli ambienti; acquisto di detergenti e disinfettanti e di dispositivi atti a garantire la distanza interpersonale come barriere e pannelli protettivi (incluse le spese di installazione), l’acquisto di Dpi e altri dispositivi di sicurezza anti Covid, inclusi i tamponi.

Chi può accedere al tax credit per la sanificazione

I beneficiari di questo credito sono: imprese; autonomi; enti non commerciali; enti religioni riconosciuti civilmente; strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale. Il tax credit per la sanificazione può essere ripartito tra più professionisti in caso di condivisione dello studio e di ripartizione delle spese. Il credito d’imposta per le spese di sanificazione comuni andrà calcolato dal professionista che ha sostenuto la spesa sull’ammontare al netto dei riaddebiti.

Bonus sanificazione e regime fiscale dei beneficiari

La norma istitutiva dell’agevolazione non prevede alcuna distinzione in ordine al regime fiscale adottabile dai soggetti beneficiari, pertanto rientrano nell’ambito soggettivo anche i soggetti in regime di vantaggio (articolo 27, commi 1 e 2 Dl 98/2011) e quelli in regime forfettario.

Bonus sanificazione, l'importo

L’importo totale massimo, ai sensi dell’articolo 32 del decreto Sostegni-bis (Dl 73/2021), può arrivare fino ai 60 mila euro e sarà direttamente l’Agenzia delle Entrate ad occuparsi della ricezione delle domande e l’erogazione del Bonus. Il limite massimo di 60mila euro è riferito, come nella precedente edizione. EP MEDIA

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X