Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Sale la pressione fiscale in Italia, cresce il fatturato delle industrie
ISTAT

Sale la pressione fiscale in Italia, cresce il fatturato delle industrie

Il rapporto deficit/Pil al 9,6 per cento, contro il 9,5 stimato dal Def

La pressione fiscale complessiva nel 2020 è risultata pari al 42,8 per cento, in aumento rispetto al 42,4% dell’anno precedente, anche se inferiore a quanto stimato nell’ultimo Def (43,1%). Lo certifica l’Istat nei Conti economici nazionali sull’anno scorso, motivando l’aumento con «la minore flessione delle entrate fiscali e contributive (-6,7 per cento)» rispetto a quella del Pil (prodotto interno lordo).

Sempre nel 2020 il rapporto deficit/Pil peggiora al 9,6%, con una revisione di -0,1 punti percentuali rispetto alla stima pubblicata ad aprile.  L’indebitamento netto è quindi «in netto peggioramento» rispetto all’1,5% registrato nel 2019, «soprattutto a causa delle misure di sostegno introdotte per contrastare gli effetti della crisi».  Il saldo primario (indebitamento netto al netto della spesa per interessi) è negativo e pari a -101.189 milioni di euro, con un’incidenza sul Pil del -6,1% (+1,8% nel 2019). Anche il saldo di parte corrente (risparmio o disavanzo delle amministrazioni pubbliche) è negativo e pari a -73.817 milioni di euro (29.995 milioni nel 2019). Tale peggioramento, spiega l’Istat, è il risultato di un calo di circa 57 miliardi di euro delle entrate correnti e di un aumento di circa 46,8 miliardi delle uscite correnti. Per il 2019 le entrate totali sono state rettificate al rialzo per 122 milioni e le uscite sono rimaste invariate con un miglioramento del rapporto indebitamento/Pil di 0,1 punti percentuali. Per il 2018 sono state riviste al ribasso le entrate (-3 milioni) e al rialzo le uscite (+150 milioni), ma con impatto nullo sull'incidenza del deficit sul Pil rispetto alla notifica di aprile 2021.

L’Istat ha anche fornito i dati sul fatturato industriale, relativi al mese di luglio. Si stima che il fatturato, al netto dei fattori stagionali, cresca dello 0,9%, in termini congiunturali. L’Istat aggiungendo che, corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 23 di luglio 2020), il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 19,1% (+19,0% sul mercato interno e +19,2% su quello estero).

L’incremento su base mensile, spiega l’Istat, è determinato dall’andamento positivo sul mercato interno (+1,7%) mentre si rileva un moderato calo su quello estero (-0,8%). Nella media del trimestre maggio-luglio l’indice complessivo è cresciuto del 4,4% rispetto ai tre mesi precedenti (+3,6% sul mercato interno e +5,8% su quello estero). Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a luglio gli indici destagionalizzati del fatturato segnano un aumento congiunturale per i beni strumentali (+4,8%) e per l’energia (+3,6%), mentre registrano una riduzione per i beni intermedi (-1,2%) e i beni di consumo (-0,9%). Per quanto riguarda gli indici corretti per gli effetti di calendario riferiti ai raggruppamenti principali di industrie, si registrano marcati incrementi tendenziali per tutti i settori: +31,8% l’energia, +26,9% i beni intermedi, +16,8% i beni strumentali e +9,9% i beni di consumo. Con riferimento al comparto manufatturiero, si evidenziano aumenti tendenziali per tutti i settori di attività economica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X