Domenica, 13 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Coronavirus, Confcommercio Sicilia ferma lo sciopero della fame in attesa della zona gialla
LA PROTESTA

Coronavirus, Confcommercio Sicilia ferma lo sciopero della fame in attesa della zona gialla

coronavirus, zona gialla, Sicilia, Economia
Gianluca Manenti, presidente di Confcommercio Sicilia

I vertici regionali di Confcommercio sospendono lo sciopero della fame: "Dopo sette giorni - ha detto Gianluca Manenti, presidente regionale di Confcommercio - abbiamo deciso di fermarci anche in attesa dell’esito della conferenza Stato Regioni convocata il prossimo lunedì dal Governo. E’ stata dura, ma senza risposte siamo pronti a riprendere la protesta per sostenere le imprese".

Lo sciopero è rientrato perché gli imprenditori sperano che il prossimo lunedì il governo vari il cambio di colore della Sicilia: da zona arancione a zona gialla. Inoltre, "250 milioni di euro, approvati dal Cipe, saranno messi in circolo nell’economia siciliana - dicono da Confcommercio - a sostegno delle categorie più colpite dalla pandemia". Insomma, le imprese restano in attesa su temi scottanti, come la revisione del coprifuoco e date certe per la ripartenza di tutte le attività economiche "oggi bloccate o limitate fortemente, all’aperto e al chiuso", dice Manenti.

"Voglio ringraziare - continua il presidente regionale di Confcommercio - i presidenti provinciali di Catania e Trapani, Piero Agen e Pino Pace, per avere condiviso la protesta, così come il presidente di Fipe Sicilia, Dario Pistorio, il presidente Confcommercio Sciacca, Giuseppe Caruana, e tutti i dirigenti del nostro sistema che hanno voluto appoggiare questa forma di contestazione silenziosa rispetto a scelte che ci hanno messo con le spalle al muro. Il nostro pensiero - conclude Manenti - va alle migliaia di imprese di vari settori in condizioni ormai disperate: dalla ristorazione alle palestre, dalle attività nei centri commerciali ai parchi tematici, dal mondo del wedding alle fiere senza dimenticare centri scommesse, teatri, cinema e numerose altre attività oggi ancora chiuse".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X