Mercoledì, 23 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Coronavirus, Confcommercio: "Il 2021 si apre con un -10,7% per il Pil"
I DATI

Coronavirus, Confcommercio: "Il 2021 si apre con un -10,7% per il Pil"

consumi, Sicilia, Economia
Consumi: previsioni 2021 negative

Consumi giù anche a dicembre con un calo dell’11% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (anche se in ripresa rispetto al -16% di novembre) ed una previsione di Pil di gennaio 2021 rispetto all’anno precedente che segna -10,7%.

Sono le indicazioni che arrivano dall’indice congiunturale di Confcommercio che segnala per l'intero anno un calo dell’indice dei consumi (Icc) del 14,7% ed un calo complessivo effettivo dei consumi sul territorio del -10,8% (la differenza a causa della diversa composizione dell’ Icc rispetto ai consumi di contabilità nazionale). ANSA

"Il quadro generale porta a una stima della variazione del Pil per il mese di gennaio del -0,8% su dicembre, il quinto calo consecutivo, e del -10,7% sullo stesso mese del 2020, dato che pone una seria ipoteca sull'evoluzione del primo trimestre con evidenti conseguenze sulle performance complessive dell’anno in corso. Appare molto ambizioso il target governativo di crescita attorno al 6%, ormai una scommessa molto rischiosa tutta giocata sulle capacità di utilizzo rapido ed efficace delle risorse europee". Lo evidenzia Confcommercio nel rapporto Congiuntura.

"Il 2021 si è aperto con segnali di peggioramento della situazione sanitaria e con il conseguente inasprimento e prolungamento, in molti Paesi, delle misure di contrasto alla pandemia - spiega l’associazione di categoria -. Nell’incertezza riguardo alla "matematica" dell’epidemia a causa dell’assenza di una stima dell’efficacia delle misure di contrasto, la collocazione temporale del momento della normalizzazione e, quindi, della ripresa economica, diventa un esercizio di speranza più che di proiezione di tendenze ragionevolmente prevedibili".

L'anno si chiude per l’ICC con un -14,7%. Il dato non riflette il calo complessivo dei consumi, per i quali la nostra stima si conferma del -10,8% sul territorio. La differenza risiede nella diversa composizione dell’indicatore rispetto ai consumi di contabilità nazionale. Oltre all’assenza dei fitti figurativi, voce che si stima essere diminuita decisamente meno rispetto al resto e che rappresenta oltre il 14% della domanda, non sono rilevate dall’indicatore alcune spese perlopiù obbligate come l'acqua, lo smaltimento rifiuti, i servizi finanziari. Allo stesso tempo non sono computati alcuni servizi alla persona, il cui andamento è stato meno condizionato dalle restrizioni imposte dalla pandemia. La seconda ondata da COVID-19 continua a protrarre l’emergenza sanitaria. In questo scenario di profonda debolezza ed incertezza la produzione industriale di novembre ha fatto registrare un calo congiunturale dell’1,4%, al netto dei fattori stagionali, con una flessione del 4,3% su base annua. Gli occupati di novembre mostrano un andamento congiunturale in leggera crescita, 0,3%, mentre per quel che riguarda la variazione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, si registra un -1,7%.

Il sentiment delle imprese del commercio al dettaglio, nonostante il periodo natalizio, ha registrato nel mese di dicembre un brusco calo del 6,7% congiunturale, e una riduzione tendenziale del 20,2%. Si stima per il mese in corso un calo congiunturale del PIL, al netto dei fattori stagionali, dello 0,8% dato che porterebbe ad una decrescita del 10,7% rispetto allo stesso mese del 2020. Nel quarto trimestre il PIL è stimato ridursi del 3% rispetto al terzo quarto del 2020 e del 7,5% tendenziale per una chiusura annua a -9%.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X