Mercoledì, 30 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Reddito di cittadinanza, incubo 30 settembre: un rebus la nuova domanda
IL SUSSIDIO

Reddito di cittadinanza, incubo 30 settembre: un rebus la nuova domanda

Settembre è sicuramente un mese cruciale per i percettori del reddito di cittadinanza. Non solo si prevede un ritardo di qualche giorno per i pagamenti, fissati a lunedì 28 settembre, ma anche lo stop per 3 percettori su 10. Il 30 settembre, infatti, per molti beneficiari scadranno i 18 mesi previsti dal decreto 4/2019.

REDDITO DI CITTADINANZA: SCADENZA IL 30 SETTEMBRE. Il reddito di cittadinanza decadrà il 30 settembre per chi ha iniziato a percepirlo da aprile 2019. Per continuare a ricevere il sussidio per altri 18 mesi bisognerà presentare una nuova domanda ma a distanza di un mese.

Nel decreto 4/2019 si legge infatti: "Il Rdc è riconosciuto per il periodo durante il quale il beneficiario si trova nelle condizioni previste all’articolo 2 e, comunque, per un periodo continuativo non superiore a diciotto mesi. Il Rdc può essere rinnovato, previa sospensione dell’erogazione del medesimo per un periodo di un mese prima di ciascun rinnovo".

REDDITO DI CITTADINANZA E STOP DI UN MESE. Lo stop del reddito di cittadinanza dopo il 30 settembre potrebbe durare anche più di un mese. Se infatti la nuova domanda potrà essere presentata a fine ottobre, questa dovrà passare il vaglio dell'Inps che dovrà analizzare la nuova richiesta. Dopo tutte le verifiche del caso, potrà essere erogato entro la fine del mese successivo.

Il primo pagamento del nuovo ciclo del reddito di cittadinanza dovrebbe quindi arrivare entro la prima metà del mese di novembre. Tutti i dettagli verranno però chiariti con una nuova circolare che verrà emanata a breve dall'Inps.

REDDITO DI CITTADINANZA A PALERMO E IN SICILIA. Lo stop del reddito di cittadinanza interesserà circa 8mila beneficiari palermitani. Se si considera la città e tutta la provincia il numero sale a 26mila. Complesso invece il calcolo per tutta la Sicilia ma il numero si aggirerebbe intorno ai 100mila considerando che sono circa mezzo milione i percettori nell'Isola.

A battersi per una proroga del sussidio in Sicilia sono diversi comitati spontanei che sabato scorso, a Palermo, hanno incontrato il sottosegretario al Lavoro Steni Di Piazza. Il sottosegretario si è impegnato a portare il caso sul tavolo del ministro Nunzia Catalfo che incontrerà nella giornata di domani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X