Mercoledì, 25 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Al via il credito d'imposta per la pubblicità sulla stampa, cosa è e come ottenerlo
LA MISURA

Al via il credito d'imposta per la pubblicità sulla stampa, cosa è e come ottenerlo

E’ iniziato il primo e terminerà il 30 settembre il periodo nel quale è possibile presentare le domande per l’accesso al credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari sulla stampa effettuati nel corso del 2020.

Le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali - ricorda la Fieg - che intendono investire in pubblicità sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, per promuovere i propri prodotti e servizi possono avvalersi di un contributo sotto forma di credito di imposta fino al 50% della spesa sostenuta.

«Si tratta di utilizzare uno strumento, come quello costituito dalle testate quotidiane e periodiche di informazione, economicamente conveniente, di efficacia riconosciuta, vicino ai cittadini», ha commentato il presidente
della Fieg, Andrea Riffeser Monti.

«Quest’anno - ha proseguito - la Fieg ha chiesto ed ottenuto che, per contrastare il crollo della pubblicità derivante
dall’emergenza Covid, il credito di imposta fosse calcolato sull'intero valore degli investimenti pubblicitari realizzati e non sull'incremento rispetto al 2019. Possono pertanto presentare domanda all’Agenzia delle Entrate per l’agevolazione anche i soggetti che non hanno effettuato investimenti pubblicitari nel 2019 e i soggetti che hanno iniziato l’attività quest’anno».

L’innalzamento della quota degli investimenti pubblicitari soggetta a credito di imposta è tra le misure adottate dal
governo per far fronte alla crisi del settore, aggravata dalla pandemia. A pesare sui conti aziendali, a partire dal periodo di lockdown, è stato proprio il crollo della pubblicità. Sono in arrivo nei prossimi mesi anche altri due bonus previsti nel dl rilancio, dopo la firma dei decreti attuativi ad agosto da parte del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Editoria, Andrea Martella.

In particolare, sarà riconosciuto un contributo una tantum di 500 euro nei confronti dei titolari di edicole. Le domande potranno essere presentate telematicamente nel periodo compreso tra il primo e il 30 ottobre 2020. Riconosciuto, inoltre, un credito di imposta pari al 30% della spesa effettiva sostenuta nell’anno 2019, per le spese digitali e di connessione delle testate. In questo caso le domande potranno essere presentate telematicamente tra il 20 ottobre ed il 20 novembre 2020.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X