Sabato, 26 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Agriturismi pieni in Sicilia ma disdette da Malta, il vademecum per una vacanza serena
VACANZE

Agriturismi pieni in Sicilia ma disdette da Malta, il vademecum per una vacanza serena

Per Ferragosto gli agriturismi registrano il tutto esaurito in quasi tutta la Sicilia. Lo rileva Coldiretti Sicilia, che sottolinea come i vacanzieri già subito dopo il lockdown abbiano scelto i grandi spazi che le strutture agrituristiche garantiscono. Privilegiati gli agriturismi che offrono servizi alternativi al mare visto che le norme anti - Covid limitano le attività e per questo anche le strutture in montagna registrano la presenza di siciliani e italiani. In molte zone della Regione dopo le ultime regole imposte dall’ordinanza regionale, sono piovute le disdette da Malta con richieste di rimborso che stanno determinando gravi problemi agli imprenditori.

«Il valore aggiunto degli agriturismi della Sicilia - aggiunge Coldiretti - è determinato anche dall’offerta culturale. Passare le vacanze all’aria aperta, soprattutto in questo momento, oltre a favorire la rinascita economica è quanto di più salutare si possa pensare. Nelle aziende agricole sempre più spesso vengono offerti programmi ricreativi come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking e mancano i percorsi archeologici e naturalistici. Chi ama cucinare - conclude Coldiretti Sicilia - trova anche la possibilità di imparare i segreti delle pietanze isolane grazie a dei corsi e chi ha la passione dell’orto trova nelle strutture il modo per approfondire le conoscenze».

La Coldiretti ha stilato anche un vademecum: verificare il possesso dell’autorizzazione comunale o dei relativi permessi per l’esercizio dell’attività agrituristica; scegliere gli agriturismi in cui l’attività agricola è visibile e dove l’accoglienza sia di tipo cordiale e curata direttamente dall’imprenditore agricolo o dalla sua famiglia; controllare il legame dell’azienda con l’attività agricola, il tipo di azienda e i prodotti coltivati direttamente e accertare che nel menù offerto siano indicati alimenti stagionali e tipici della zona; prendere contatto con l’imprenditore agricolo per informazioni dettagliate su cosa offre l’azienda e sui prezzi, sul modo per raggiungerla e sulla distanza da altre mete interessanti; preferire le aziende che aderiscono a una associazione come Terranostra e che sono garantite dall’accreditamento alla rete di Campagna Amica (per gli amanti del computer c’è anche la possibilità di navigare in internet sul sito www.campagnamica.it ); verificare quali attività ricreative e culturali ma anche servizi (ospitalità animali) sono offerte e comprese nel prezzo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X